Vietti a Torino al convegno del CSM "La magistratura ordinaria nella storia dell'Italia unita" su riforme, politica e giustizia, prescrizione

Vietti a Torino al convegno del CSM "La magistratura ordinaria nella storia dell'Italia unita" su riforme, politica e giustizia, prescrizione

|

GIUSTIZIA: VIETTI, ORA GIUSTO CLIMA PER RIFORMA
(ANSA) - TORINO, 6 MAR -Ci sono condizioni pi serene
per affrontare in modo condiviso la riforma della giustizi:
lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, prima di
prendere la parola al convegno sullamagistratura ordinaria
nella storia d'itali in corso a Torino, presente il capo
dello Stato, Giorgio Napolitano.
Secondo Vietti, ci sono i presuppostiper fare presto e
ben per affrontare alcune priorita: ridisegnare la geografia
della giustizia sul territorio, accelerare i processi, in
particolare quelli civili, rivedere il sistema della
prescrizioni evitando che ogni anno 170 mila processi siano
cancellati. (ANSA).
BAN/CLD
06-MAR-12 10:55
 
GIUSTIZIA: VIETTI, MAGISTRATURA COLLANTE DEL PAESE
(ANSA) - TORINO, 6 MAR -La magistratura ha sempre svolto
un ruolo di collante nel Paese, ruolo che negli ultimi tempi si
era un po appannato, ma che ora deve tornare a splender: lo
ha sottolineato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti prima
dell'inizio del convegno a cui partecipano il Capo dello stato,
Giorgio Napolitano, e il Guardasigilli, Paola Severino.
Nei 150anni della storia italiana, la magistratura ha
sempre svolto questo ruolo applicando le leggi che hanno
unificato il Paes, ha aggiunto Vietti. (ANSA).
BAN/CLD
06-MAR-12 10:56
 
GIUSTIZIA: VIETTI, ORA CONDIZIONI PIU' SERENE PERCHE' SI AFFRONTI
RIFORMA =
Torino, 6 mar. - (Adnkronos) -In questi 150 anni la
magistratura ha rappresentato un collante importante per l'unita del
Paese, un ruolo che si era un po appannato negli ultimi tempi, noi
vogliamo che torni a risplendere e mi pare che oggi ci siano
condizioni piu serene perche il Parlamento e le Forze politiche
affrontino in modo condiviso una riforma della giustizi. Lo ha
detto Michele Vietti, vicepresidente del Consiglio Superiore della
Magistratura, a margine del convegno 'La magistratura ordinaria nella
storia dell'Italia unita organizzato dal Csm a Torino.
Una giustizia che, ha spiegato Vietti,non tanto e non piu
intesa come un potere che deve rivendicare il suo spazio rispetto agli
altri poteri ma come un servizio per i cittadin.
(Ssa/Ct/Adnkronos)
06-MAR-12 11:03
 
GIUSTIZIA: VIETTI, CONDIZIONI PIU' SERENE PER AFFRONTARE RIFORMA =
(AGI) - Torino, 6 mar. - "Mi pare che ci siano oggi condizioni
piu serene perche il Parlamento e le forze politiche
affrontino in modo condiviso una riforma della giustizia, non
tanto intesa come un potere che deve rivendicare il suo spazio
rispetto ad altri poteri, ma come un servizio per i cittadini".
Lo ha detto il vice presidente del Csm, Michele Vietti, oggi a
Torino, a margine del convegno "la magistratura ordinaria nella
storia dell'Italia unita" organizzato dal Consiglio Superiore
della Magistratura in occasione del 150esimo anniversario
dell'Unita d'Italia. "Con il convegno di oggi - ha spiegato
Vietti - noi vogliamo ricordare che in questi 150 anni la
Magistratura ha rappresentato un collante importante per
l'unita del Paese. L'unita non e stata fatta solo dalla
politica di casa Savoia, dall'Esercito, dal Parlamento, dai
moti di popolo, dagli intellettuali, ma e stata fatta anche
dalla Magistratura, perche attraverso l'applicazione delle
leggi a tutti i cittadini si e unificato un Paese che era
profondamente diverso e distante. Questo ruolo di collante che
in questi 150 anni la Magistratura ha svolto, si era un po
appannato negli ultimi tempi, noi vogliamo che torni a
risplendere e questo e anche il senso del convegno di oggi".
(AGI)
To1/Msc
061132 MAR 12
 
GIUSTIZIA: VIETTI, CONDIZIONI PIU' SERENE PER AFFRONTARE RIFORMA (2)=
(AGI) - Torino, 6 mar. - Nel corso del suo intervento al
convegno "La magistratura ordinaria nella storia dell'Italia
unita" il vicepresidente del Csm Michele Vietti ha spiegato: "A
distanza di oltre 50 anni dall'istituzione del Consiglio
Superiore e di piu di 60 dall'entrata in vigore della Carta
Costituzionale, e benvenuta ogni riflessione serena sul
funzionamento del sistema giudiziario, purche si abbia la
consapevolezza che incidere su aspetti fondamentali della
caratterizzazione della magistratura, quale ordine autonomo
cosi come voluto dal costituente, comporta una modifica degli
equilibri dell'intero ordinamento costituzionale". "La nostra
Costituzione - ha aggiunto Vietti - e stata frutto di un
progetto largamente meditato e condiviso. Ogni soluzione puo
essere rimessa in discussione e modificata, ma per sostituire
un progetto meditato e condiviso occorre un altro progetto, non
meno meditato e non meno condiviso". (AGI)
To1/Bru
061203 MAR 12
 
Giustizia/ Vietti: Oggi condizioni più serene per riforma
"Rivedere sistemi della prescrizione, sistema gira a vuoto"
Torino, 6 mar. (TMNews) - "Mi pare che ci siano oggi condizioni
più serene perché il Parlamento e le forze politiche affrontino
in modo condiviso una riforma della Giustizia come servizio per i
cittadini". Lo ha detto il vicepresidente del Csm Michele Vietti
a margine del convegno 'La magistratura ordinaria nella Storia
dell'Italia unità. "La Costituzione - ha aggiunto nel suo
intervento - è stata frutto di un progetto meditato e condiviso".
 
E per "sostituire un progetto meditato e condiviso occorre un
altro progetto, non meno meditato e condiviso".
Vietti ha indicato alcuni punti: "Bisogna fare presto e bene la
revisione della geografia giudiziaria perché abbiamo bisogno di
razionalizzare la distribuzione delle nostra poche risorse del
territorio". Inoltre, vanno "accelerati assolutamente i processi,
in particolare quelli civili, perché da questo dipende anche lo
sviluppo economico del Paese e la ripresa della competitività".
Vanno anche rivisti, secondo Vietti, "i sistemi della
prescrizione, che condannano a morte 170mila procedimenti ogni
anno e che finiscono per far girare a vuoto tutto il sistema
giudiziario".
Mda
061143 mar 12
 
Giustizia: Vietti, ci sono condizioni più serene per la riforma =
(ASCA) - Torino, 6 mar - Ci sono condizioni più serene
perché le forze politiche affrontino in modo condiviso la
riforma della giustizia. Lo ha detto il vicepresidente del
Csm Michele Vietti, a margine del convegno promosso dal Csm
sulla magistratura nella storia dell'unita' d'Italia,
svoltosi a Torino, a Palazzo Madama alla presenza del Capo
dello Stato, Giorgio Napolitano, e dei ministri Paola
Severino, Renato Balduzzi, Elsa Fornero e Francesco Profumo.
''In questi 150 anni - ha osservato Vietti - la magistratura
ha svolto un ruolo di collante per l'unita' del paese: con
l'applicazione concreta delle leggi in modo uguale per tutti
i cittadini si e' unificato un paese profondamente diviso.
Questo ruolo si era un po' appannato negli ultimi tempi.
Vogliamo che torni a risplendere - ha aggiunto - e mi pare
che ci siano condizioni più serene perché il parlamento e
le forze politiche affrontino in modo condiviso una riforma
della giustizia non tanto intesa come un potere che deve
rivendicare il suo spazio rispetto agli altri poteri ma come
un servizio per i cittadini''. Vietti ha indicato alcune
priorità: ''Bisogna fare presto e bene la revisione della
geografia giudiziaria perché abbiamo bisogno di
razionalizzare la distribuzione delle nostre poche risorse su
territorio e poi bisogna assolutamente accelerare i processi,
in particolare quelli civili, perché da questo dipende anche
lo sviluppo economico del Paese e la ripresa della
competitività'''. Poi, ha concluso Vietti, vanno rivisti, ''i
sistemi della prescrizione, che condannano a morte in questo
paese 170mila processi ogni anno e che finiscono per far
girare spesso a vuoto tutto il sistema giudiziario''.
eg/mau/alf
061725 MAR 12
 
GIUSTIZIA: VIETTI, FARE PRESTO REVISIONE GEOGRAFIA GIUDIZIARIA =
Torino, 6 mar. - (Adnkronos) -Bisogna fare presto e bene la
revisione della geografia giudiziaria perche abbiamo bisogno di
razionalizzare la distribuzione delle nostre poche risorse sul
territori. E' il primo passo di una riforma della giustizia
indicato da Michele Vietti, vicepresidente del Csm, a margine di un
convegno organizzato a Torino.
Inoltre, secondo Vietti,bisogna assolutamente accelerare i
processi, in particolare quelli civili, perche da questo dipende
anche lo sviluppo economico del Paese e la ripresa della
competitivita. Poi probabilmente -ha aggiunto- bisogna anche rivedere
i sistemi della prescrizione che condannano a morte 170 mila processi
ogni anno e che finiscono di far girare spesso a vuoto -ha concluso
Vietti- l'intero sistema giudiziari.
(Ssa/Ct/Adnkronos)
06-MAR-12 11:06
 
GIUSTIZIA: VIETTI, FARE PRESTO REVISIONE GEOGRAFIA GIUDIZIARIA =
(AGI) - Torino, 6 mar. - "Bisogna fare presto e bene la
revisione della geografia giudiziaria, perche abbiamo bisogno
di razionalizzare la distribuzione delle nostre poche risorse
sul territorio". Lo ha detto il vice presidente del Csm,
Michele Vietti, a margine del convegno 'la Magistratura
ordinaria nella storia dell'Unita d'Italia che si e aperto
poco fa a Torino.
Inoltre, secondo Vietti, "bisogna assolutamente accelerare
i processi, in particolare i processi civili, perche da questo
dipende anche lo sviluppo economico del Paese, la ripresa della
competitivita. Poi probabilmente bisogna anche rivedere i
sistemi della prescrizione che condannano a morte 170mila
procedimenti ogni anno e che finiscono di far girare a vuoto
tutto il sistema giudiziario". (AGI)
To1/Msc
061132 MAR 12
 
ITALIA 150: VIETTI, MAGISTRATURA PROTAGONISTA DELL'UNITA'
(ANSA) - TORINO, 6 MAR - La magistraturae stato uno dei
protagonisti dell'unita d'Itali: su questo filo conduttore si
e mosso il discorso di Michele Vietti, vicepresidente del
Consiglio Superiore della Magistratura che sul tema ha
organizzato un convegno cui partecipano il Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano e il ministro di Giustizia, Paola
Severino.
Il nostro Paese - ha detto Vietti- non si e unificato
soltanto attraverso la politica di casa Savoia, l'esercito, il
Parlamento, i moti del popolo e le leggi: si e unificato anche
attraverso la giurisprudenza, cioe attraverso l'uguale
applicazione della legge nei confronti di tutti i cittadini in
un Paese cosi diverso e difforme nelle sue varie realta
geografiche, sociali ed economich.
Vietti ha ricordato che fu l'Assemblea Costituente ad
affrontare, dopo la caduta del regime dittatoriale, come
garantire l'autonomia e l'indipendenza della magistratura.I
costituenti scelgono di rendere il giudice soggetto soltanto
alla legge, sottraendo la materia dei diritti e della tutela
alla logica della maggioranza e della minoranza, cioe alla
logica del consens. (ANSA).
BAN/CLD
06-MAR-12 11:40
 
GIUSTIZIA: VIETTI, SISTEMA RIFORMABILE MA PROGETTO CONDIVISO
(ANSA) - TORINO, 6 MAR - Modificare il sistema giudiziario
italiano e la Costituzione su cui regge e possibile, ma solo
attraverso un percorso condiviso. E' il richiamo del
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, intervenuto al convegno
in corso a Torino sul ruolo della magistratura nel processo di
unita dell'Italia.
La nostra Costituzione - ha detto di fronte al Presidente
della Repubblica, Giorgio Napolitano, e al ministro di
Giustizia, Paola Severino - e stata frutto di un progetto
largamente meditato e condiviso. Ogni soluzione puo essere
messa in discussione e modificata, ma per sostituire un progetto
meditato e condiviso occorre un altro progetto, non meno
meditato e condivis.
A distanza di oltre 50 anni - ha osservato Vietti -
dall'istituzione del Consiglio Superiore e di pi di 70
dall'entrata in vigore della Carta Costituzionale, e benvenuta
ogni riflessione serena sul funzionamento del sistema
giudiziario, purche si abbia la consapevolezza - ha aggiunto
Vietti - che incidere su aspetti fondamentali della
caratterizzazione della magistratura, quale ordine autonomo
cosi come voluto dal costituente, comporta una modifica
dell'intero ordinamento costituzional. (ANSA).
BAN/CLD
06-MAR-12 11:43
 
Giustizia: Vietti, modifiche richiedono progetto costituzionale =
(ASCA) - Torino, 6 mar - Le modifiche al funzionamento del
sistema giudiziario richiedono un progetto, un impegno di
carattere costituzionale non inferiore a quello che porto'
alla realizzazione della nostra Carta costituzionale. E'
quanto ha sottolineato il vicepresidente del Consiglio
Superiore della Magistratura, Michele Vietti, intervenendo a
Torino al convegno sulla storia della magistratura
nell'Italia unita. ''E' benvenuta ogni riflessione serena sul
funzionamento del sistema giudiziario - ha detto Vietti -
purche' si abbia la consapevolezza che incidere su aspetti
fondamentali della caratterizzazione della magistratura,
quale ordine autonomo cosi' come voluto dalla Costituente,
comporta una modifica degli equilibri dell'intero ordinamento
costituzionale''. ''La nostra Costituzione - ha concluso
Vietti - e' stata frutto di un progetto largamente meditato e
condiviso. Ogni soluzione puo' essere rimessa in discussione
e modificata, ma per sostituire un progetto meditato e
condiviso occorre un altro progetto, non meno meditato e non
meno condiviso''.
eg/sam/
061152 MAR 12
 
GIUSTIZIA: VIETTI, PER RIFORMARLA BISOGNA INCIDERE SU COSTITUZIONE =
I PUO' MA SOLO CON PROGETTO MEDITATO E CONDIVISO
Torino, 6 mar. - (Adnkronos) -A distanza di oltre
cinquant'anni dall'istituzione del Consiglio Superiore e di piu di
sessanta dall'entrata in vigore della Carta Costituzionale, e
benvenuta ogni riflessione serena sul funzionamento del sistema
giudiziario purche si abbia la consapevolezza che incidere su aspetti
fondamentali della caratterizzazione della magistratura, quale ordine
autonomo cosi come voluto dal costituente, comporta una modifica
degli equilibri dell'intero ordinamento costituzional. Lo ha detto
Michele Vietti, vice presidente del Consiglio Superiore della
magistratura, intervenendo a Torino al convegnoLa magistratura
ordinaria nella storia dell'Italia unit, organizzato dal Csm a
Palazzo Madama.
La nostra costituzione e stata frutto di un progetto meditato
e condiviso - ha aggiunto Vietti - ogni soluzione puo essere rimessa
in discussione e modificata, ma per sostituire un progetto meditato e
condiviso occorre un altro progetto, non meno meditato e non meno
condivis.
(Ssa/Ct/Adnkronos)
06-MAR-12 12:28
 
UNITA' D'ITALIA: VIETTI, CONTRIBUITO UGUALE APPLICAZIONE LEGGE PER
TUTTI CITTADINI =
MAGISTRATURA UNO DEI PROTAGONISTI
Torino, 6 mar. (Adnkronos) - "Il nostro Paese non si e
unificato soltanto attraverso la politica di casa Savoia, l'esercito,
il Parlamento, i moti di popolo e le leggi: si e unificato anche
attraverso la giurisprudenza, cioe attraverso l'uguale applicazione
della legge nei confronti di tutti i cittadini in un Paese cosi
diverso e difforme nelle sue varie realta geografiche, sociali ed
economiche". Lo ha detto Michele Vietti, vice presidente del Consiglio
superiore della magistratura, nel suo intervento al convegno
organizzato dal Csm "La magistratura ordinaria nella storia
dell'Italia unita", in corso a Torino.
"Dunque - ha concluso - la magistratura e stata uno dei
protagonisti dell'unita".
(Ssa/Ct/Adnkronos)
06-MAR-12 12:39

Categorie