GR3 - Sciogliere i nodi sulla responsabilità dei magistrati, sulla corruzione e sulle intercettazioni

GR3 - Sciogliere i nodi sulla responsabilità dei magistrati, sulla corruzione e sulle intercettazioni

|

GIUSTIZIA: VIETTI, SI DECIDA SU CORRUZIONE E INTERCETTAZIONI (ANSA)
ROMA, 04 MAG - Si sciolgano i tre nodi che il ministro della Giustizia ha davanti a se: responsabilita civile dei magistrati, riforma della corruzione e intercettazioni: e quello che si aspetta il vice presidente del Csm nei prossimi mesi dall'esecutivo e dalla maggioranza che lo sostiene.Interventi mirati dunque che però non devono escludere un programma di risposte di piu ampio respiro in materia di giustizia, ha aggiunto Vietti nel corso di un'intervista al Gr3.(ANSA)
FH 04-MAG-12 09:09
 
GIUSTIZIA: VIETTI (CSM), SCIOGLIERE NODI SU RESPONSABILITA', CORRUZIONE E INTERCETTAZIONI = 'INTERVENTI MIRATI SUBITO NON ESCLUDONO RIFORME DI PIU' AMPIO RESPIRO'
Roma, 4 mag. (Adnkronos) - "Si sciolgano i tre nodi che il ministro della Giustizia ha di fronte a se: la responsabilita civile dei magistrati, la riforma anticorruzione, le intercettazioni telefoniche". E' quanto si aspetta dal governo, nei prossimi mesi, il vicepresidente del Csm Michele Vietti, intervistato dal Gr3 Rai. "Penso che, intanto, si possano fare interventi mirati - aggiunge - ma questi non escludono la programmazione di riforme di piu ampio respiro, che al limite saranno il progetto per il governo futuro".
Sottolinea poi Vietti: "L'Italia non puo piu essere il principale cliente della Corte di giustizia europea di Strasburgo per l'eccessiva durata dei suoi processi, ma deve diventare un modello di efficienza. Anche perche - spiega - cosi si contribuisce alla crescita economica e al rilancio della competitivita del Paese".
Per il vicepresidente del Csm, comunque, "non c'e dubbio che il problema riguardi anche l'eccessivo ricorso alla giustizia in Italia: siamo sommersi da un contenzioso patologico. Ma da questo punto di vista - osserva Vietti - il Consiglio superiore della magistratura non puo fare un lavoro che spetta al Parlamento. In attesa di poter disporre di strumenti normativi che ci aiutino a ridurre il contenzioso, noi possiamo diffondere le buone pratiche, richiamare i magistrati alla priorita degli aspetti organizzativi, che siano finalizzati soprattutto a smaltire l'arretrato e ad accelerare i processi".
(Bon/Col/Adnkronos)
04-MAG-12 09:10
 
GIUSTIZIA: VIETTI, SI' INTERVENTI MIRATI MA ANCHE AMPIE RIFORME = (AGI)
Roma, 4 mag. - E' possibile mettere a punto "interventi mirati" in materia di giustizia per migliorare l'efficienza del sistema. Lo ha detto il vicepresidente del Csm Michele Vietti, intervistato dal Gr3, che non esclude pero la possibilita di fare "riforme di piu ampio respiro che saranno un progetto per il governo futuro".(AGI)
Oll/Zeb (Segue)
040916 MAG 12
 
GIUSTIZIA: VIETTI, SI' INTERVENTI MIRATI MA ANCHE AMPIE RIFORME (2) = (AGI)
Roma, 4 mag. -Vietti ha ricordato di aver incontrato ieri il presidente della Corte europea dei diritti dell'uomo, Nicholas Bratza "con il quale abbiamo parlato francamente -  ha spiegato il numero due di Palazzo dei Marescialli - l'Italia non puo piu essere il principale cliente della Corte di Strasburgo per la lentezza dei processi, ma deve diventare un modello di efficienza. Siamo sommersi da un contenzioso patologico, il Csm non puo fare il lavoro del Parlamento, possiamo diffondere buone pratiche e priorita sull'organizzazione degli uffici". Dal ministro della Giustizia Paola Severino, infine Vietti ha detto di aspettarsi che "sciolga i 3 nodi che ha di fronte: quello sulla responsabilita civile dei magistrati, e sulle riforme in materia di corruzione e intercettazioni". (AGI)
Oll/Zeb
040916 MAG 12
 
*Giustizia/ Vietti: Tre nodi da sciogliere, poi riforme ampie "Subito responsabilità civile, corruzione, intercettazioni" Roma,  4 mag. (TMNews) - Tre nodi da sciogliere subito, ma senza perdere di vista riforme più ampie: è questa l'agenda che il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Michele Vietti attribuisce al Governo. Intervistato dal Gr3 Rai, Vietti ha spiegato di attendersi, per i prossimi mesi, "che si sciolgano i tre nodi che il ministro della Giustizia ha di fronte a sé: quello della responsabilità civile dei magistrati, quello dalla riforma della corruzione e quello delle intercettazioni telefoniche".
"Penso - ha aggiunto - che si possano intanti fare interventi mirati ma questo non esclude di programmare anche riforme di più ampio respiro che al limite saranno il progetto per il governo futuro".
Bar
040917 mag 12
 
Giustizia/ Vietti: Sveltire processi, Parlamento cambi le norme "Csm può richiamare magistrati a priorità organizzazione" Roma,  4 mag. (TMNews) - Il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura Michele Vietti ieri ha ricevuto a palazzo dei Marescialli il presidente della Corte europea dei diritti dell'uomo Nicolas Bratz. In una intervista al Gr3 Rai, Vietti ha riassunto i temi del colloquio: "Con il presidente Bratz ci siamo parlati francamente, l'Italia non può più essere il principale cliente della corte di Strasburgo per l'eccessiva durata dei processi, ma deve diventare un modello di efficienza, anche perché così si contribuisce alla crescita economica e al rilancio della competitività del Paese".
"Siamo sommersi - ha osservato Vietti - da un contenzioso patologico. Da questo punto di vista il Consiglio superiore non può fare il lavoro che spetta al Parlamento. In attesa di disporre di strumenti normativi che cia aiutino a ridurre il contenzioso noi possiamo diffondere le `buone pratiche', richiamare i magistrati alla priorità degli aspetti organizzativi, finalizzati soprattutto a smaltire l'arretrato e accelerare i processi".
Bar
040918 mag 12