Vietti in Plenum sulla norma che vieta al magistrato Narducci di fare il pm

Vietti in Plenum sulla norma che vieta al magistrato Narducci di fare il pm

|

CSM: OK UNANIME A EX PM NARDUCCI GIUDICE A PERUGIA (2)=
(AGI) - Roma, 17 ott. - La normativa di palazzo dei
Marescialli, però, prevede il divieto di destinare a funzioni
di pm chi rientra in magistratura dopo aver rivestito un
incarico di "amministratore pubblico o di ente territoriale".
Narducci, dunque, era stato sentito dalla terza commissione del
Csm e, in quella sede, si era detto disponibile di essere
mandato a Perugia come giudice. Destinazione, questa, condivisa
sia dalla commissione nelle scorse settimane che oggi dal
plenum.
Il 'caso' Narducci è stato spunto per alcuni consiglieri
per evidenziare perplessità sulla norma che, come in questa
vicenda, vieta di svolgere funzioni di pm dopo essere stato
fuori ruolo per incarichi in enti locali: in particolare, il
consigliere di Magistratura indipendente, Antonello Racanelli,
ha definito "discutibile" la "preclusione prevista solo per le
funzioni requirenti: pm e giudici devono avere la stessa
immagine di imparzialità". Anche per il vicepresidente Michele
Vietti, intervenuto nel dibattito, tale normativa "è un pò
stravagante". (AGI)
Oll/Pro
171737 OTT 12
 
CSM: EX PM E ASSESSORE NARDUCCI FARA' GIUDICE A PERUGIA
CIRCOLARE PREVEDE CHE DOPO INCARICO IN GIUNTA PM CAMBI RUOLO
(ANSA) - ROMA, 17 OTT - Farà il giudice al Tribunale di
Perugia, Giuseppe Narducci ex pm di Calciopoli, collocato in
aspettativa nel periodo in cui era stato assessore della giunta
De Magistris al Comune di Napoli. Lo ha deciso all'unanimità il
Csm nel Plenum di questo pomeriggio.
Narducci avrebbe voluto tornare a fare il sostituto
procuratore, come prima della sua esperienza politica, ma la
richiesta di essere destinato alla Procura di Salerno o in
alternativa a quella di Campobasso, era già stata rigettata in
luglio dalla Terza Commissione del Consiglio superiore della
magistratura. La normativa interna di Palazzo dei Marescialli
prevede infatti che nell'ipotesi di richiamo in ruolo
successivamente alla carica di amministratore pubblico in un
Ente locale, il pubblico ministero non solo cambi distretto, ma
venga anche assegnato a funzioni giudicanti, e non più
requirenti. Il 20 settembre, Narducci, audito dal Csm, aveva
ribadito la preferenza delle due sedi requirenti, e in subordine
la sede giudicante di Perugia, contestando tra l'altro la
legittimità del disposto di normazione secondaria del Csm.
La relatrice della pratica davanti al Consiglio, Giuseppina
Casella, ha sottolinato oggi come con il proprio voto il Csm
dovesse tutelare "l'immagine di imparzialita del pubblico
ministero". Il tema ha suscitato un dibattito durante la
seduta. Il vicepresidente, Michele Vietti, ha osservato che "il
bene da tutelare è l'indipendenza e l'imparzialità, ma che
questa esigenza valga solo per il pm e non per il giudice, è
bizzarra". (ANSA).
Y12
17-OTT-12 17:50
 
CSM: EX ASSESSORE NAPOLI NARDUCCI FARA' GIUDICE A PERUGIA =
OK UNANIME DA PLENUM
Roma, 17 ott. - (Adnkronos) - L'ex assessore alla Legalità del
Comune di Napoli ed ex pm, Giuseppe Narducci, farà il giudice al
Tribunale di Perugia. Il plenum del Consiglio superiore della
magistratura ha infatti approvato all'unanimità una delibera della
terza Commissione, che accoglie la richiesta avanzata dallo stesso
Narducci in occasione di un'audizione davanti alla Commissione il 20
settembre scorso. La richiesta era giunta dopo una serie di proposte
che il consiglio aveva respinto. Le condizioni per il rientro in ruolo
dell'ex assessore, dopo le dimissioni dello scorso giugno, erano
infatti il cambio di funzioni, da pm a giudice, secondo quanto prevede
la normativa del Csm.
Narducci, che nella sua carriera di pm alla Procura di Napoli ha
svolto indagini importanti sulla criminalità organizzata e per
l'inchiesta 'Calciopoli' aveva chiesto dopo le dimissioni il
ricollocamento in ruolo. Il Csm gli aveva chiesto di indicare alcune
sedi e aveva bocciato le proposte sia di Salerno, sia di Campobasso,
città natale di Narducci. Il voto del plenum è stato preceduto da
una discussione proprio sulla norma, richiamata nella delibera, che
vieta le funzioni requirenti al magistrato ricollocato in ruolo dopo
l'espletamento di un incarico di amministratori pubblico negli enti
locali.
Perplessità sono state espresse dal consigliere di Magistratura
indipedente, Antonello Racanelli. "Non credo che il pm abbia bisogno
di un'immagine di imparzialità più del giudice". Lo stesso
vicepresidente, Michele Vietti, ha poi definito la norma
"stravagante".
(Coc/Ct/Adnkronos)
17-OTT-12 18:08

Categorie