Vietti in Plenum risponde a Lupo sul numero dei processi in Italia

Vietti in Plenum risponde a Lupo sul numero dei processi in Italia

|

GIUSTIZIA: LUPO (CASSAZIONE), ANOMALO NUMERO PROCESSI IN ITALIA =
(AGI) - Roma, 21 nov. - "Il numero dei processi civili e
penali in Italia è anomalo rispetto al resto d'Europa. Questo
è un dato incontestabile ed oggettivo e deve essere il punto
di partenza per qualsiasi riflessione in merito". A parlare è
il primo presidente della Cassazione, Ernesto Lupo, intervenuto
durante il plenum del Csm, in un breve dibattito relativo
all'efficienza della giustizia e alla lentezza dei processi.
"Chiedersi se ci siano troppe cause perchè ci sono troppi
avvocati o se sia vero il contrario - ha aggiunto il vice
presidente di Palazzo dei Marescialli, Michele Vietti - è come
chiedersi se sia nato prima l'uovo ok la gallina". (AGI)
Oll/Stp
211132 NOV 12
 
GIUSTIZIA: PRES.CASSAZIONE,IN ITALIA NUMERO PROCESSI ANOMALO
(ANSA) - ROMA, 21 NOV - "Il numero dei processi civili e
penali in Italia è anomalo rispetto al resto d'Europa. Questo
è un dato incontestabile ed oggettivo e deve essere il punto di
partenza per qualsiasi riflessione in merito". Lo ha detto il
primo presidente della Cassazione, Ernesto Lupo, in un breve
dibattito sull'efficienza della giustizia, in apertura del
Plenum del Csm.
Durante lo scambio di battute il vice presidente di Palazzo
dei Marescialli, Michele Vietti, è ricorso a quest'immagine:
"Chiedersi se ci siano troppe cause perchè ci sono troppi
avvocati o se ci sono troppi avvocati perchè ci sono molte
cause - è come chiedersi se sia nato prima l'uovo oppure la
gallina".(ANSA).
Y12-DIA
21-NOV-12 11:48
 
GIUSTIZIA: LUPO (CASSAZIONE), IN ITALIA NUMERO ANOMALO DI PROCESSI =
'DATO OGGETTIVO CHE DEVE ESSERE PUNTO DI PARTENZA DI OGNI
ANALISI'
Roma, 21 nov. (Adnkronos) - In Italia "c'è un numero anomalo
di processi, sia penali sia civili. E' un dato oggettivo che non va
dimenticato e che deve essere il punto di partenza di ogni analisi".
Così il primo presidente della Cassazione, Ernesto Lupo, è
intervenuto, in apertura del plenum del Consiglio superiore della
magistratura, a un breve dibattito tra i consiglieri sull'efficienza
della macchina giudiziaria.
La discussione è partita dal richiamo da parte di un
consigliere alle considerazioni fatte dal vicepresidente, Michele
Vietti che, in occasione della presentazione del suo libro 'La fatica
dei giusti' lunedì ad Alessandria, ha ricordato la produttività dei
magistrati italiani, anche a fronte della lunghezza dei processi. Da
qui la sottolineatura, da parte di altri consiglieri, anche del lavoro
degli avvocati.
E sul possibile nesso tra numero di cause e numero di avvocati,
è intervenuto con una battuta lo stesso Vietti: "il quesito se ci
siano troppi avvocati perchè ci sono troppe cause o viceversa
equivale a chiedersi se sia nato prima l'uovo o la gallina".
(Coc/Opr/Adnkronos)
21-NOV-12 12:27

Categorie