Vietti all'università di Roma Luiss alla presentazione del volume "Giustizia in bilico" su informatizzazione della giustizia

Vietti all'università di Roma Luiss alla presentazione del volume "Giustizia in bilico" su informatizzazione della giustizia

|

GIUSTIZIA:VIETTI,INFORMATIZZAZIONE UNICA VIA PER EFFICIENZA
(ANSA) - ROMA, 4 GIU - "L'innovazione tecnologica, la
digitalizzazione, la informatizzazione sono l'unica strada per
ottenere il cosiddetto efficientamento del sistema
giudiziario". Lo ha sottolineato il vicepresidente del Csm
Michele Vietti, intervenendo alla presentazione del libro
"Giustizia in bilico, i percorsi di innovazione giudiziaria",
curato dal consigliere del Csm Mariano Sciacca.
Vietti ha fatto presente che questa è la sola via da
percorrere "soprattutto in un contesto come quello attuale di
carenza di risorse. Illudersi di ottenere personale - ha
aggiunto - non porta da nessuna parte. L'alternativa è quella
del processo digitale, delle notifiche telematiche sia in campo
civile sia penale". (ANSA).
FH/ML
04-GIU-13 18:16

GIUSTIZIA: VIETTI, INNOVAZIONE TECNOLOGICA STRADA PER EFFICIENZA =
(AGI) - Roma, 4 giu. - "L'innovazione tecnologica, la
digitalizzazione e l'informatizzazione sono l'unica strada per
ottenere il cosiddetto efficientamento del sistema
giudiziario". Lo ha detto il vice presidente del consiglio
superiore della magistratura, Michele Vietti, a margine della
presentazione del libro del consigliere del Csm, Mariano
Sciacca, 'Giustizia in bilico'. "Soprattutto in un contesto
come quello attuale - ha sottolineato Vietti - di carenze di
risorse, illudersi di ottenere più personale, più magistrati
e amministrativi non porta da nessuna parte. L'alternativa è
quella dell'informatizzazione del processo digitale, delle
notifiche telematiche del processo civile e penale. Questa è
la frontiera sulla quale si svolge la nostra sfida". (AGI)
Rmn/Bru
041821 GIU 13

Giustizia/ Vietti (Csm): avanti con l'informatizzazione
Sabelli (Anm): ma bisogna formare i magistrati
Roma, 4 giu. (TMNews) - "Il tempo delle sperimentazioni e delle
esperienze pilota è scaduto: adesso bisogna che tutti gli uffici
giudiziari e tutti gli operatori della giustizia adottino le
nuove tecnologie informatiche che possono far risparmiare risorse
e rendere più efficiente la giustizia". Lo ha detto Michele
Vietti, vicepresidente del Csm partecipando all'Università Luiss
alla presentazione del libro "Giustizia in bilico" dedicato
all'informatizzazione della giustizia, scritto dal membro del Csm
Mariano Sciacca insieme a Luca Verzelloni e Grazia Miccoli. Da
Torino a Milano a Catania sono già parecchi gli uffici giudiziari
che stanno adottando le nuove tecnologie informatiche, ma la
situazione è molto disomogenea sul territorio nazionale.
"A Milano - ha aggiunto Vietti - le notifiche informatiche sono
già completamente introdotte, con grande risparmio di soldi e di
tempo. Sta per partire il decreto ingiuntivo telematico e presto
si arriverà al processo ordinario telematico. Ma in quanti uffici
sul territorio nazionale avviene lo stesso? E' inutile protestare
per la carenza di cancellieri, che sono una specie in via di
estinzione, o per la ristrettezza di risorse finanziarie.
Dobbiamo tutti abituarci a lavorare con risorse scarse,
utilizzando l'unica vera risorsa che abbiamo a disposizione: la
potenzialità dell'informatica, che dobbiamo utilizzare tutti e
non delegare agli specialisti". Vietti ha poi annunciato che
presto entrerà in vigore la nuova organizzazione informatica del
Csm, che tra l'altro consentirà di avere a disposizione i dati
sulla produttività dei singoli uffici e dei singoli magistrati,
dati essenziali per poter effettuare le scelte sulle promozioni e
sulla distribuzione dei nuovi magistrati.
Il presidente dell'Associazione nazionale magistrati Sabelli ha
ricordato che nel giugno 2014 entrerà in vigore in tutta Italia
il processo civile telematico ed è necessario intensificare la
formazione dei magistrati. "L'organizzazione della giustizia - ha
concluso Sabelli - potrà migliorare davvero solo se saranno
coinvolti tutti i magistrati".
Pma
042012 giu 13

Categorie