Vietti in Cassazione all'incontro con i PG delle Corti d'Appello su separazione delle carriere dei magistrati e geografia giudiziaria

Vietti in Cassazione all'incontro con i PG delle Corti d'Appello su separazione delle carriere dei magistrati e geografia giudiziaria

|

GIUSTIZIA: VIETTI, PM SEPARATO SAREBBE MINA VAGANTE
NEMMENO AVVOCATO DIGNITOSO VA CON CAPPELLO IN MANO DA GIUDICE
(ANSA) - ROMA, 11 GIU - "Rischia di trasformarsi in una mina
vagante" il pubblico ministero, se fosse posto al di fuori
dell'ordine giudiziario, e dunque se venisse separato dal
giudice. Lo sostiene il vicepresidente del Csm, Michele Vietti,
che oggi è intervenuto ad un incontro con i procuratori
generali delle corti d'appello italiane. "Qualcuno dice che il
pm dovrebbe presentarsi con il cappello in mano dal giudice; ma
chi ha fatto l'avvocato dignitosamente non si è mai presentato
con il cappello in mano". (ANSA).
FH/FV
11-GIU-13 10:59

GIUSTIZIA: VIETTI, PM SEPARATO DA GIUDICE SAREBBE MINA VAGANTE =
(AGI) - Roma, 11 giu. - "Il pm è collegato all'interno
dell'ordine giudiziario: questo preserva da pericoli di logiche
autoreferenziali e di interferenze politiche. Se non fosse
all'interno di questo circuito, il pm rischierebbe di
trasformarsi in una mina vagante". A parlare è il vice
presidente del Csm, Michele Vietti, in Cassazione per una
giornata di lavoro con i procuratori generali delle Corti
d'Appello di tutta Italia. (AGI)
Oll/Msc  (Segue)
111103 GIU 13

GIUSTIZIA: VIETTI, PM SEPARATO DA GIUDICE SAREBBE MINA VAGANTE (2)=
(AGI) - Roma, 11 giu. - "C'è chi dice che il pm si deve
presentare al giudice con il cappello in mano, come farebbe
l'avvocato - ha aggiunto Vietti - io credo che chi svolge la
professione di avvocato non si sia mai presentato così davanti
al giudice. Se la colleganza dovesse influire sulla decisione
del giudice allora, paradossalmente, sarebbe più necessario
separare i giudici di primo grado da quelli d'appello, o quelli
del Riesame da quelli che lavorano nell'ufficio gip". (AGI)
Oll/Msc
111103 GIU 13

GIUSTIZIA: VIETTI, PM SEPARATO DAL GIUDICE DIVENTA MINA VAGANTE =
'IL PM DAVANTI AL GIUDICE CON IL CAPPELLO IN MANO? NON SI E' MAI
VISTO NEMMENO UN AVVOCATO'
Roma, 11 giu. - (Adnkronos) - Il pm senza controllo separato dal
giudice "rischierebbe di trasformarsi in una mina vagante". Lo rileva
il vicepresidente del Csm Michele Vietti in un incontro in Cassazione
sul ruolo e la funzione dei pubblici ministeri. Vietti, mettendo in
guardia dal "pericolo di logiche autoreferenziali", dice la sua anche
sul fatto che qualcuno pensa che i pm dovrebbe presentarsi al giudice
con il cappello in mano. "Io credo -ha detto Vietti- che nemmeno un
avvocato si sia mai presentato in questo modo davanti al giudice. Il
pm deve essere consapevole della sua funzione di garante della
legalità".
Il vicepresidente del Csm ha ribadito la sua consapevolezza
sulle "difficoltà che affliggono le procure e tuttavia -ha ammonito-
è indispensabile che le notorie inadeguatezza non diventino un
alibi". In gioco c'è la lotta alla criminalità pertanto, avverte
Vietti, "non può essere differita la reale e fattiva collaborazione
fra le procure ad oggi non ancora pienamente realizzata".
(Red/Zn/Adnkronos)
11-GIU-13 11:07

TRIBUNALI: VIETTI, RINVIO RIFORMA NON SAREBBE A COSTO ZERO =
(AGI) - Roma, 11 giu. - Il rinvio dell'entrata in vigore della
riforma della geografia giudiziaria, che prevede il taglio dei
piccoli tribunali, "non sarebbe a costo zero". Lo ha detto il
vice presidente del Csm, Michele Vietti, sostenendo, davanti ai
procuratori generali in Cassazione, la necessità che la
riforma entri in vigore nei tempi stabiliti. "Il rinvio non
consentirebbe - ha rilevato - alle sedi soppresse di riprendere
a funzionare come prima, ma comporterebbe un lungo periodo di
ripristino. Siamo in mezzo al guado, se ci fermiamo rischiamo
di venire travolti dalla piena". (AGI)
Oll/Msc  (Segue)
111107 GIU 13

TRIBUNALI: VIETTI, RINVIO RIFORMA NON SAREBBE A COSTO ZERO (2)=
(AGI) - Roma, 11 giu. - Secondo il numero due di Palazzo dei
Marescialli questa riforma "faticosamente varata" non deve
"essere vanificata dall'incapacità di affrancarsi da logiche
campanilistiche": il differimento della nuova geografia
giudiziaria sarebbe "un rischio per la funzionalità
complessiva degli uffici". (AGI)
Oll/Msc
111107 GIU 13

GIUSTIZIA: VIETTI, RINVIO RIFORMA TRIBUNALI DANNO CITTADINI
(ANSA) - ROMA, 11 GIU - "Siamo in mezzo al guado e se non
proseguiamo rischiamo di essere travolti dalla piena e di questo
patirebbero i cittadini". Il vicepresidente del Csm, Michele
Vietti, torna a lanciare l'allarme sul rinvio della riforma
delle circoscrizioni giudiziarie. L'effetto sarebbe "mettere a
rischio la funzionalità complessiva" dei tribunali. Il
differimento dell'entrata in vigore della riforma "non sarebbe
a costo zero" e comporterebbe oltretutto "oneri finanziari".
(ANSA).
FH/FV
11-GIU-13 11:09

GIUSTIZIA: VIETTI, SAREMO TRAVOLTI DA PIENA SE NON SI FA RIFORMA TRIBUNALI =
'DIFFERIMENTO NON SAREBBE A COSTO ZERO'
Roma, 11 giu. - (Adnkronos) - "Attenzione a non vanificare" la
riforma relativa alla distribuzione degli uffici giudiziari sul
territorio. L'avvertimento arriva dal vicepresidente del Csm, Michele
Vietti, nel corso di un incontro in Cassazione con i procuratori
generali. Un differimento dell'entrata in vigore della riforma sulla
geografia giudiziaria, avverte Vietti, "metterebbe a rischio la
funzionalità complessiva della riforma stessa e non sarebbe a costo
zero".
Vietti sottolinea: "Diciamo con chiarezza che un rinvio non
consentirebbe alle sedi soppresse di rifunzionare come se nulla fosse
accaduto. Siamo in mezzo al guado -avverte ancora-, se non andiamo
oltre, rischiamo di essere travolti dalla piena".
(Red/Zn/Adnkronos)
11-GIU-13 11:12

GIUSTIZIA: VIETTI, DIFFICOLTA' NON SIANO ALIBI PER PM
(ANSA) - ROMA, 11 GIU - "Il Csm è consapevole delle
difficoltà che affliggono gli uffici giudiziari e le procure in
particolare. Ma è indispensabile che le inadeguatezza non si
trasformino in alibi e non siano il pretesto per non far
funzionare al meglio ciò che c'è". Parola del vicepresidente
del Csm, Michele Vietti, che esorta anche le procure a
realizzare "una fattiva collaborazione nelle indagini, finora
non pienamente realizzata". Vietti invoca anche uno stop a
"sovrapposizioni e gare" tra le procure nelle indagini.(ANSA).
FH/FV
11-GIU-13 11:03

GIUSTIZIA: VIETTI, INADEGUATEZZE NON DIVENTINO ALIBI =
(AGI) - Roma, 11 giu. - "Il Csm è consapevole delle
difficoltà che vivono gli Uffici giudiziari, ma è
indispensabile che le notorie inadeguatezze non si trasformino
in un alibi e non diventino pretesto per non far funzionare al
meglio ciò che c'è". A sottolinearlo è il vice presidente
del Csm, Michele Vietti, durante una riunione in Cassazione con
i procuratori generali. Secondo Vietti, inoltre, "non può
essere differita la collaborazione tra procure nella lotta alla
criminalità, collaborazione che ancora non è pienamente
realizzata". (AGI)
Oll/Msc 
111114 GIU 13

Categorie