Vietti a Radio Anch'io su carceri, riforme, impugnazioni, conflitto politica-magistratura

Vietti a Radio Anch'io su carceri, riforme, impugnazioni, conflitto politica-magistratura

|

CARCERI: VIETTI, RIVEDERE TUTTO IL SISTEMA DELLA PENA =
BENE PRIMI INTERVENTI GOVERNO LETTA SU TEMA GIUSTIZIA ORA
PROVVEDIMENTI STRUTTURALI
Roma, 24 giu. (Adnkronos) - "E' necessario rivedere tutto il
sistema, a partire dalle leggi, dalla carcerazione preventiva e dalla
possibilità di dare ai disperati che sono all'interno delle carceri
un'alternativa". Lo afferma il vice presidente del Consiglio Superiore
della Magistratura Michele Vietti, intervenendo a Radio Anch'io
sull'emergenza carceri. "Il nostro sistema - sostiene - sconta una
pericolosa sfasatura tra la pena prevista nei codici o nelle leggi
speciali, la pena comminata e la pena scontata. Questi tre aspetti non
coincidono e questo finisce di dare una dimostrazione di
inaffidabilità del nostro sistema penale", quindi, "bene le misure
che deflazionino il sovraeccesso di popolazione carceraria, ma se non
ripensiamo radicalmente il nostro sistema della pena, nel giro di
qualche mese il sovraffollamento si ripresenterà. Questo vale anche
per gli eventuali provvedimenti di clemenza di carattere generale".
"Occorre ripensare a tutto il sistema delle sanzioni - prosegue
- Se riuscissimo a fare ricorso a sanzioni alternative alle misure
interdittive, a sanzioni pecunarie e amministrative che in qualche
modo sanino il vulnus che il reato ha prodotto ma non necessariamente
attraverso il carcere", questo avrebbe risvolti positivi in materia di
"certezza della pena, uno dei capisaldi per cui un sistema giuridico
sia credibile".
Sui primi interventi del governo Letta in tema di giustizia, il
vice presidente del Csm afferma: "Serve una politica giudiziaria, ciò
che patiamo oggi è un periodo molto lungo in cui sono stati fatti
interventi spot, interventi tampone senza una visione coerente di che
giustizia vogliamo. I primi interventi del governo Letta vanno in una
direzione positiva. Poi però servono provvedimenti strutturali. Come
ad esempio l'incentivazione delle misure alternative e un rito più
flessibile che si adatti alle necessità delle singole controversie,
oltre a un intervento serio sulle impugnazioni. Non possiamo più
permetterci tre gradi di giudizio per ogni causa indipendentemente dal
suo valore e dalla sua natura", conclude.
(Sin/Ct/Adnkronos)
24-GIU-13 10:06

CARCERI: VIETTI, FARE PRESTO CON MISURE ALTERNATIVE
'SOSTANZIALE INAFFIDABILITA' DEL SISTEMA GIUDIZIARIO'
(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "Nel nostro sistema giudiziario c'è
una pericolosa sfasatura tra pena prevista, pena comminata e
pena scontata. Questo è un dato di sostanziale inaffidabilità
del sistema giudiziario". Lo ha detto Michele Vietti,
vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura
intervistato da "Radio Anch'io". Secondo l'ex parlamentare
"sulle misure alternative si deve passare dalle parole ai
fatti".
Quanto ai conflitti tra politica e magistratura, secondo
Vietti "le istituzioni si debbono rispettare tra loro,
altrimenti siamo di fronte ad un boomerang per la
democrazia".(ANSA).
CSS
24-GIU-13 10:24

GIUSTIZIA: VIETTI, BENE LETTA MA SERVONO INTERVENTI SERI
(ANSA) - ROMA, 24 GIU - "I primi interventi del governo
Letta sulla giustizia vanno in una direzione positiva. Poi però
servono provvedimenti strutturali. Serve una politica
giudiziaria; ciò che patiamo oggi è un periodo molto lungo in
cui sono stati fatti interventi spot, interventi tampone senza
una visione coerente di che giustizia vogliamo". Lo ha detto
Michele Vietti intervistato da "Radio Anch'io".
"Invece serve - ha aggiunto il vicepresidente del Csm -
visione: come ad esempio l'incentivazione delle misure
alternative e un rito più flessibile che si adatti alle
necessità delle singole controversie, oltre a un intervento
serio sulle impugnazioni. Non possiamo più permetterci tre
gradi di giudizio per ogni causa indipendentemente dal suo
valore e dalla sua natura. E' necessario rivedere tutto il
sistema, a partire dalle leggi, dalla carcerazione preventiva e
dalla possibilità di dare ai disperati che sono all'interno
delle carceri un'alternativa". (ANSA).
CSS
24-GIU-13 11:31

Categorie