Al CSM una giornata dedicata alle donne in magistratura e al femminicidio

Al CSM una giornata dedicata alle donne in magistratura e al femminicidio

|

La Commissione per le pari opportunità in Magistratura del CSM organizza giovedì 4 luglio un convegno dal titolo “I primi cinquanta anni delle donne in Magistratura: quali prospettive per il futuro”, "la violenza di genere nella società attuale".
Palazzo dei Marescialli sarà per un giorno la sede in cui le più importanti personalità femminili e non del panorama italiano discuteranno delle prospettive future per le donne in magistratura e si addentreranno nel tema, purtroppo attuale, del femminicidio.
Saranno presenti: Il Ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri, Michele Vietti Vice Presidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Giorgio Santacroce Primo Presidente della Suprema Corte di Cassazione, Gianfranco Ciani Procuratore generale presso la Suprema Corte di Cassazione, Paola Severino prima donna Ministro della Giustizia, Marta Cartabia Giudice della Corte Costituzionale,Giovanni Amoroso Consigliere Corte di Cassazione, Maria Bashir Procuratrice generale di Herat (Afghanistan) , Laura Boldrini Presidente della Camera dei Deputati, Emma Bonino Ministro degli Affari Esteri.
Ci sarà poi una tavola rotonda nel pomeriggio moderata da Federica Sciarelli, giornalista Rai che vedrà la partecipazione dell’on.Mara Carfagna, la dott.ssa Carole Beebe Tarantelli Psicoanalista, l’avv.Giulia Bongiorno, la dott.Maria Monteleone Procuratore aggiunto presso il Tribunale  di Roma.

Ideatrici e coordinatrici dell'evento le consigliere del CSM Giuseppina Casella e Giovanna Di Rosa, uniche due donne nell'attuale consiliatura, che affronteranno nella prima sessione il tema della crescente femminilizzazione della magistratura, cui però non corrisponde una adeguata rappresentatività nei ruoli decisionali, il che conferma che molto resta ancora da fare per rompere il cosiddetto soffitto di cristallo che, seppur invisibile, impedisce alle donne il raggiungimento di obiettivi di vertice.

Il forum pomeridiano sarà l'occasione per discutere senza condizionamenti sul tema del  genocidio nascosto della violenza sulle donne; le consigliere Casella e Di Rosa analizzeranno, insieme alle ospiti, questo fenomeno divenuto strutturale nella società, con una attenzione particolare a tutto ciò che si può e si deve ancora fare, per riportare a ognuno le proprie responsabilità, per diffondere una reale cultura di parità e per evitare che la disperazione del maschio, che rischia di sentirsi schiacciato dall'affermazione sociale delle donne, possa esplodere in una bieca spirale di violenza domestica.

Per accrediti stampa: accreditistampa@cosmag.it

              programma.doc (40,50 kb)