SKYTG24 - "Per la riforma della giustizia serve una pacificazione politica"

SKYTG24 - "Per la riforma della giustizia serve una pacificazione politica"

|

Vietti: per riforma giustizia serve pacificazione politica
Tempi non più rinviabili né per cittadini né per economia
Roma, 26 ott. (TMNews) - "Per mettere mano a un tema così
delicato e sensibile che ha visto fortemente contrapposte le
forze politiche ci vuole un clima di reale pacificazione e di
condivisione dell'obiettivo". Lo ha detto il vicepresidente del
Csm, Michele Vietti a SkyTg24 a margine dei lavori del congresso
dell'Anm rispondendo a proposito della riforma della giustizia.
Secondo Vietti però "i tempi per la riforma non sono più
rinviabili. I cittadini hanno bisogno di un servizio più
efficiente credibile e tempestivo e anche per il sistema paese,
la sua economia e competitività".
Secondo Vietti tra le riforme necessario in campo penale
occorrerebbe: "una reale depenalizzazione, trasformando le
contravvenzioni in sanzioni amministrative o alternative a quelle
penali e incentivare i riti alternativi, sono riforme che si
possono fare a costo zero ma hanno bisogno della volontà della
politica".
Gal
261341 ott 13

Vietti: amnistia e indulto non bastano per problema carcerario
Bisogna puntare in modo deciso su pene alternative
Roma, 26 ott. (TMNews) - Amnistia e indulto da soli non bastano
a risolvere il problema del sovraffollamento carcerario, ma
possono essere utili per non incorrere nella procedura di
infrazione europea. Lo ha spiegato il vicepresidente del Csm,
Michele Vietti a SkyTg24.
"Il capo dello Stato con il messaggio alle Camere ci ha ricordato
che l'Europa ci ha messo in procedura di infrazione per le
condizioni disumane dei detenuti - ha aggiunto Vietti -. La
costruzione di nuove carceri è una soluzione di lunga durata, nel
breve bisognerebbe puntare in modo deciso sulle pene alternative
alla detenzione, se ne parla tanto ma il legislatore deve avere
il coraggio di affrontare questo tema una volta per tutte, non si
può proporre il carcere per tutti o applicarlo solo a chi vive ai
margini della società, ci sono pene che possono davvero ottenere
il risultato della rieducazione de applicate fiori dal carcere
dobbiamo puntare su quello".
Quanto ad amnistia e indulto il vicepresidente del Csm ha
osservato che "anche nel messaggio del Presidente della
Repubblica vengono alla fine, come considerazioni per l'ipotesi
in cui altri interventi non riuscissero nei tempi che l'Europa ci
ha dato, ma non risolvono da soli perché rischiano di farci
ritrovare di nuovo nelle condizioni di oggi, certo in un quadro
di interventi complessivi possono avere un effetto deflattivo, ma
spetta al Parlamento decidere e sappiamo quali sono oggi gli
equilibri parlamentari e che serve un quorum molto elevato su
questa materia".
Gal
261354 ott 13