Vietti in visita all'ufficio giudiziario di Napoli nord su geografia giudiziaria, magistrati in politica, reati ambientali, prescrizione, caso del Guardasigilli Cancellieri e del magistrato Esposito, economia sommersa

Vietti in visita all'ufficio giudiziario di Napoli nord su geografia giudiziaria, magistrati in politica, reati ambientali, prescrizione, caso del Guardasigilli Cancellieri e del magistrato Esposito, economia sommersa

|

Giustizia: Vietti, tribunale Napoli Nord è piccolo miracolo =
(AGI) - Caserta, 8 nov. - Un piccolo miracolo e un riscatto
territoriale. Questo è il tribunale di Napoli Nord per il vice
presidente del Csm, Michele Vietti, in visita questa mattina
negli uffici di Aversa. "E' l'unico caso di nuovo tribunale
istituito in Italia in una grande area metropolitana ed è
stato fatto in pochi mesi non solo a costo zero, ma anche con
qualche risparmio di risorse", sottolinea. Per Vietti, tra "gli
aspetti positivi c'è anche quello di aver dimostrato, vincendo
la sfida, che alcuni pregiudizi anti meridionalisti di una
certa 'intelligenze' sono infondati. Questo non è un Paese in
cui in alcune parti si possono fare certe cose e in altri non
si possono fare. Questo è un Paese in cui dove ci sono uomini
di buona volontà che collaborano ciascuno con la propria
parte, le sfide si possono vincere. Dovunque". (AGI)
Ce2/Lil  (Segue)
081448 NOV 13

Giustizia: Vietti, tribunale Napoli Nord è piccolo miracolo (2)=
(AGI) - Caserta, 8 nov. - Il vice presidente del Csm,
paragonando il Tribunale di Napoli Nord a un bambino, spiega
che "è nato gracile, è nato settimino perchè non c è stato
il tempo di compiere l'ordinaria gravidanza. Però, come è
noto, ci sono molti settimini che si dimostrano molto più
robusti di quelli che nascono nei tempi ordinari. Certo, lo
abbiamo buttato in acqua sperando che imparasse subito a
nuotare". Per un ufficio giudiziario che serve una platea di un
milione di abitanti, ed ex novo accorpa 38 comuni con una
trasversalità provinciale, il vice presidente del Csm parla di
"chiaramente un miracolo di un manipolo di pionieri",
annunciando, da parte del Csm, "un atteggiamento di riguardo
per il seguito". Dei numeri e dei risultati raggiunti in soli
45 giorni di attività parla il presidente del Tribunale Napoli
Nord, Rodolfo Daniele: "Siamo un work in progress e lo saremo
ancora per molto tempo, però nonostante questo abbiamo già i
numeri di un grande tribunale. In 45 giorni lavorativi di
questo ufficio sono stati iscritti 1688 ricorsi di lavoro e
previdenza. Il settore civile, escluso le esecuzioni e i
fallimenti, ha iscritto duemila e 46 affari. Il solo settore
delle esecuzioni ne ha iscritti in 45 giorni 696. Se facciamo
una proiezione per un anno, arriviamo nel settore lavoro 11400,
in quello civile 12650, esecuzioni e fallimenti 4300". (AGI)
Ce2/Lil
081448 NOV 13

Giustizia: Vietti, tribunale Napoli Nord un miracolo
'Ancora pochi magistrati, bisogna ancora lavorare'
(ANSA) - AVERSA (CASERTA), 8 NOV - Il presidente Daniele lo
ha definito "un bambino nato gracile", il vice-presidente del
Csm Vietti "un settimino", mentre il procuratore reggente Marino
"un cantiere aperto". Per il Tribunale di Napoli Nord, operativo
al Castello Aragonese di Aversa (Caserta) dal 13 settembre
scorso, sono diverse le metafore, ma "la verità - osserva il
vice presidente del Csm Michele Vietti, in visita questa mattina
nella nuova struttura giudiziaria - è che qui ad Aversa è stato
realizzato un miracolo che ha messo a tacere anche i pregiudizi
antimeridionalisti di gran parte dell'intellighenzia. La
struttura è partita da zero, bisogna ancora lavorare in quanto
ci sono ancora pochi magistrati rispetto a quelli necessari
vista l'enorme mole di lavoro di questo tribunale, ma non
bisogna credere che arriveranno falangi di dipendenti
amministrativi che purtroppo non ci sono".
A dare le cifre di un impegno che diverrà sempre più gravoso
con il tempo è il presidente del Tribunale Rodolfo Daniele. "In
45 giorni - spiega - abbiamo avuto 445 ricorsi per decreti
ingiuntivi, 1688 ricorsi in materia di lavoro e previdenza e
altri 2046 affari iscritti al civile. Andando di questo passo,
entro un anno saranno 11400 i ricorsi in materia previdenziale e
lavorativa, 12250 nel civile e 4300 nel settore fallimentare.
Aspettiamo poi l'onda di piena del penale, che avremo nel 2014".
Numeri alti visto l'ampio bacino di utenza, pari ad oltre un
milione di persone residenti tra le province di Napoli e
Caserta. E' il procuratore capo reggente Raffaele Marino a
fornire i numeri del settore penale. "Dal 13 settembre abbiamo
avuto l'iscrizione in media di 100 notizie di reato al giorno,
entro un anno arriveremo a 35mila. E' stato fatto un grande
lavoro visto che i primi giorni non avevamo neanche le sedie ma
ora è necessario aumentare gli organici dei magistrati e degli
amministrativi; è necessario poi puntare sull'informatizzazione,
che permette di risparmiare risorse umane ed economiche".
Al momento quasi tutti i magistrati sono applicati da altri
uffici, il Csm sta provvedendo alle nomine ma il gap tra la
pianta organica e i magistrati presenti è ancora molto alto: 80
i giudici previsti in organico, 15 quelli attualmente a lavoro,
di cui 11 applicati e 4 nominati dal Csm, altri 14 già nominati
arriveranno a breve; mentre per la Procura si prevedono 30
magistrati tra aggiunti e sostituti, ma al momento con Marino
sono solo sei i sostituti e tre di loro ogni settimana fanno la
spola con gli uffici d'appartenenza. Il Csm al momento ha
nominato solo 5 sostituti. "Abbiamo 10-15 domande per i ruoli
dirigenziali, entro questo mese decideremo, ma sono pochi i
sostituti che hanno fatto richiesta di essere assegnati a Napoli
Nord" dice Giuseppina Casella, magistrato e presidente della VII
Commissione del Csm che provvede all'organizzazione degli uffici
giudiziari.(ANSA).
YEC-TOR
08-NOV-13 15:09

Napoli, Vietti al Tribunale di Napoli Nord: "Le sfide si possono vincere"
Vietti in visita ufficiale a Napoli
(ilVelino/AGV NEWS) Napoli, 08 NOV - Il Vicepresidente del Consiglio Superiore della Magistratura, Michele Vietti, questa mattina, è stato ad Aversa per incontrare i vertici del nuovo tribunale di Napoli nord e toccare con mano le potenzialità della nuova struttura del Castello Aragonese. Ad accoglierlo il primo cittadino di Aversa, Giuseppe Sagliocco, il presidente del Tribunale, Rodolfo Daniele, numerose autorità politiche e militari nonché rappresentanti dell'avvocatura e della magistratura. Per Vietti, tra "gli aspetti positivi c'è anche quello di aver dimostrato, vincendo la sfida, che alcuni pregiudizi anti meridionalisti di una certa 'intellighenzie' sono infondati. Questo non è un Paese in cui in alcune parti si possono fare certe cose e in altri non si possono fare. Questo è un Paese in cui dove ci sono uomini di buona volontà che collaborano ciascuno con la propria parte, le sfide si possono vincere. Dovunque". Dei numeri e dei risultati raggiunti in soli 45 giorni di attività ha parlato il presidente del Tribunale Napoli Nord, Rodolfo Daniele: "Siamo un work in progress e lo saremo ancora per molto tempo, però nonostante questo abbiamo già i numeri di un grande tribunale. In 45 giorni lavorativi di questo ufficio sono stati iscritti 1688 ricorsi di lavoro e previdenza. Il settore civile, escluso le esecuzioni e i fallimenti, ha iscritto duemila e 46 affari. Il solo settore delle esecuzioni ne ha iscritti in 45 giorni 696. Se facciamo una proiezione per un anno, arriviamo nel settore lavoro 11400, in quello civile 12650, esecuzioni e fallimenti 4300". Sulla stessa scia anche il Sindaco di Aversa Giuseppe Sagliocco che ha sottolineato come la "collaborazione istituzionale tra vari enti, in questo caso tra Comune di Aversa, Dap e Dog, abbia portato all'importante successo dell'allocazione del Tribunale di Napoli Nord al Castello Aragonese. Il tutto è successo in circa quarta giorni di duro lavoro nel corso dei quali tutti abbiamo lavorato insieme per raggiungere questo importante obiettivo". E ha concluso Sagliocco: "Nessuno ci credeva, eppure la Città di Aversa ha accettato la sfida ha messo in campo risorse umane e non solo per vincere quella sfida su cui il 5 settembre nessuno avrebbe scommesso". (rep/ee)
161908 NOV 13

== Giustizia: Vietti, pm in politica? Non più credibile arbitro =
(AGI) - Caserta, 8 nov. - "Se l'arbitro veste la maglia di una
squadra, non può credibilmente tornare a fare l'arbitro". Lo
dice ad Aversa il vicepresidente del Csm Michele Vietti,
rispondendo a una domanda sui magistrati in politica.(AGI)
Ce2/Lil
081451 NOV 13

Ambiente: Vietti, no ad inasprimento pene e nuovi reati
'Legislatore trovi coraggio per riforma prescrizione'
(ANSA) - NAPOLI, 8 NOV - Il vicepresidente del Csm Michele
Vietti auspica che "il legislatore trovi il coraggio per
mettere mano ad una riforma della prescrizione" ma si dice
"perplessò sull'ipotesi di un inasprimento delle pene per i
reati ambientali, "sotto la spinta della cronaca".
Rispondendo alla domanda di un giornalista a margine di un
convegno, Vietti ha aggiunto: "Fermo restando la necessità di
celebrare i processi in tempi certi, occorre una riforma della
prescrizione che ne sospenda il decorso almeno fino all'
accertamento delle responsabilità in primo o secondo grado di
giudizio".
Quanto all'inasprimento delle pene per i reati contro l'
ambiente, richiesto da più forze politiche in seguito all'
allarme per gli sversamenti di rifiuti tossici, il
vicepresidente del Csm ha detto."Sono perplesso sia sull'
introduzione di nuove specie di reato, perchè ne abbiamo fin
troppe, sia sull'aumento dell'entità della pena sulla base dei
fatti di cronaca. A forza di introdurre nuovi reati e di
aumentare le pene sulla base dello scandalo del momento abbiamo
determinato molte asimmetrie nel nostro sistema
giudiziario".(ANSA).
DM
08-NOV-13 14:54

RIFIUTI: VIETTI, PERPLESSO SU IPOTESI INTRODUZIONE ALTRE FATTISPECIE REATO
Napoli, 8 nov. - (Adnkronos) - "Sono perplesso sia sulla
possibilità di introdurre altre fattispecie di reato, ne abbiamo fin
troppe, sia a moltiplicare l'entità delle pene sulla base della
cronaca". Lo ha detto il vicepresidente del Csm Michele Vietti, in
merito alla possibilità di introdurre nuove misure per quanto
riguarda i reati ambientali. "Introducendo reati e pene sulla base
dello scandalo del momento abbiamo determinato molte assimmetrie - ha
aggiunto Vietti - abbiamo bisogno della depenalizzazione di cosa non
desta allarme sociale e di dare pene più esemplari per quanto
rappresenta vero allarme sociale, tra cui anche alcuni reati
ambientali". Questo, conclude Vietti, "esige un ripensamento
compessivo della politica criminale e un ripensamento del carcere come
unica pena comminata".
(Zca/Zn/Adnkronos)
08-NOV-13 16:21

Cancellieri:Vietti,a ministro solidarietà umana e personale
Non spetta a me dire se doveva dimettersi
(ANSA) - AVERSA (CASERTA), 8 NOV - "Al ministro Cancellieri
ho manifestato la mia solidarietà umana e personale. Con lei,
così come con gli altri ministri è avvenuto in passato,
proseguirà un rapporto di leale collaborazione". Così il vice
presidente del Csm, Michele Vietti, a margine di un incontro al
Tribunale di Napoli Nord ad Aversa (Caserta).
Il ministro - gli è stato chiesto - si sarebbe dovuto
dimettere? "Questo non spetta a me dirlo", ha risposto
Vietti.(ANSA).
YEC-TOR
08-NOV-13 13:11

Berlusconi: Vietti, Esposito? Rimane esame profili disciplinari =
(AGI) - Caserta, 8 nov. - "Per ora c'è una proposta della
prima commissione che dice di non avviare la procedura di
trasferimento d'ufficio. Questo ovviamente dovrà essere
confermato dal plenum. Poi rimangono da esaminare i profili
disciplinari della vicenda, che sono ancora all'attenzione
degli organi". Così il vicepresidente del csm Michele Vietti,
in visita al tribunale di Napoli Nord, a chi gli chiede a che
punto sia la questione che riguarda il giudice Antonio
Esposito, accusato di aver anticipato a un quotidiano le
motivazioni della sentenza con cui la Cassazione ha condannato
Silvio Berlusconi per frode fiscale nel processo per i diritti
tv Mediaset. (AGI)
Ce2/Lil
081342 NOV 13

Berlusconi:Esposito;Vietti,da valutare profili disciplinari
Decisione prima commissione Csm presa anche per non interferire
(ANSA) - AVERSA (CASERTA), 8 NOV - La I commissione del Csm
"non ha ravvisato gli estremi per un trasferimento d'ufficio
per incompatibilità ambientale e funzionale del giudice
Esposito, anche per non interferire con i profili disciplinari
della vicenda che devono essere ancora valutati". Lo ha detto
il vice presidente del Csm, Michele Vietti, a margine di un
incontro al Tribunale di Napoli Nord ad Aversa (Caserta).
(ANSA).
YEC-TOR
08-NOV-13 13:46

Berlusconi: Vietti, su caso Esposito disinformazione
presidente I Commissione è laico, non appartiene a 'casta'
(ANSA) - NAPOLI, 8 NOV - " Mi pare che i commenti sulla
decisione della I Commissione sul trasferimento del magistrato
Antonio Esposito risentano di qualche confusione e di una
notevole disinformazione". Così il vice presidente del Csm,
Michele Vietti replica alle dure critiche di diversi esponenti
del Pdl sulla decisione.
"Vorrei ricordare anzitutto che la prima Commissione è
presieduta dal consigliere laico Marini, eletto dal parlamento e
dunque non appartenente alla 'casta' dei magistrati. La
Commissione - ha aggiunto Vietti - ha deliberato all'unanimità
sulla procedura amministrativa del trasferimento d'ufficio del
magistrato Esposito. Ciò che doveva valutare era la sussistenza
della condizione di incompatibilità funzionale o ambientale che
valutata indipendentemente dalla colpa. La Commissione ha
ritenuto che tale profilo non sussiste, ma ha lasciato aperta la
questione disciplinare che compete all'iniziativa del pg della
Cassazione ed al ministro della Giustizia. Se uno dei due
riterrà di esercitare l'azione disciplinare - ha concluso Vietti
- il Csm farà il suo mestiere che è quello di giudice
disciplinare".(ANSA).
DM/BOM
08-NOV-13 18:17

Berlusconi: Vietti, su Esposito commenti confusi e disinformati =
(AGI) - Napoli, 8 nov. - Le critiche da componenti del Pdl alla
proposta di archiviazione della prima commissione del Csm per
il procedimento di trasferimento del giudice Antonio Esposito,
"mi pare risentano di una qualche confusione e notevole
disinformazione". Così il vicepresidente del Csm, Michele
Vietti, a Napoli, risponde ad una domanda su alcune
dichiarazioni di esponenti del Pdl.
"Vorrei ricordare che la prima commissione è presieduta da
Annibale Marini - puntualizza - laico eletto dal Parlamento e
quindi fino a prova contraria non appartenente alla casta dei
magistrati". (AGI)
Lil/Chi  (Segue)
081818 NOV 13

Berlusconi: Vietti, su Esposito commenti confusi e disinformati (2)=
(AGI) - Napoli, 8 nov. - La prima commissione, prosegue Vietti,
"ha deliberato alla unanimità sulla procedura amministrativa
di trasferimento d'ufficio del magistrato, quella che doveva
valutare se sussistevano ragioni di incompatibilità funzionale
o ambientale, che vanno valutate indipendentemente dalla
colpa". E, avverte Vietti, la commissione "ha lasciato aperta
la valutazione su eventuali profili disciplinari, che competono
alla iniziativa del procuratore generale di Cassazione e del
ministro di Giustizia". "Se uno di questi due protagonisti
riterrà di esercitare l'azione disciplinare - conclude Vitti -
il Csm farà il suo mestiere, che è quello di fare il giudice.
Mi pare che i commenti su questa vicenda risentano di una
qualche confusione e di notevole disinformazione". (AGI)
Lil/Chi
081818 NOV 13

Vietti: c'è confusione su vicenda giudice Esposito-Berlusconi
Prima commissione Csm presieduta da laico, non è casta magistrati
Napoli, 8 nov. (TMNews) - "Mi pare che i commenti fatti risentano
di qualche confusione e di una notevole disinformazione". Così il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ha commentato, a Napoli,
le polemiche scatenate dopo la decisione da parte del Consiglio
superiore della magistratura sulla non incompatibilità del
giudice Antonio Esposito, la cui intervista al quotidiano Il
Mattino sul processo Mediaset in cui è coinvolto l'ex premier
Silvio Berlusconi, sollevò un polverone.
"Vorrei ricordare che la prima commissione del Csm è presieduta
da un laico, il consigliere Annibale Marini, eletto dal
Parlamento quindi, fino a prova contraria, non appartenente alla
'casta dei magistrati'. La commissione - ha precisato Vietti - ha
deliberato all'unanimità e sulla procedura amministrativa di
trasferimento d'ufficio del magistrato Esposito, quella che
doveva valutare se sussistevano le ragioni di incompatibilità
funzionale o ambientale che vanno valutate indipendentemente
dalla colpa". "La commissione ha ritenuto che non sussistesse
questo profilo, ma ha lasciato aperta la questione disciplinare
che compete all'iniziativa del procuratore generale della
Cassazione e del ministro della giustizia. Se uno dei due - ha
concluso Vietti - riterranno di esercitare l'azione disciplinare,
il Csm farà il suo mestiere che è quello di fare il giudice".
Psc/Sar
081822 nov 13

DIRITTI TV: VIETTI, SU VICENDA ESPOSITO COMMENTI CONFUSI E DISINFORMATI =
Napoli, 8 nov. - (Adnkronos) "Mi pare che i commenti fatti su
questa materia risentano di qualche confusione e di una notevole
disinformazione". Così Michele Vietti, vicepresidente del Csm,
commenta le reazioni di esponenti del Pdl sulla vicenda del giudice
Antonio Esposito.
"Vorrei ricordare - aggiunge Vietti - che la prima commissione
del Csm è presieduta da un laico, il consigliere Annibale Marini
eletto dal Parlamento, quindi fini a prova contraria non appartenente
alla 'casta dei magistrati'".
"La commissione - prosegue - ha deliberato all'unanimità e ha
deliberato sulla procedura amministrativa di trasferimento d'ufficio
del magistrato Esposito, quella che doveva valutare se sussistevano le
ragioni di incompatibilità funzionale o ambientale che vanno valutate
indipendentemente dalla colpa. La commissione ha ritenuto che non
sussistesse questo profilo ma ha lasciato aperta la questione
disciplinare, che compete all'iniziativa del procuratore generale
della Cassazione e del ministro della Giustizia". "Se uno dei due
riterrà di esercitare l'azione disciplinare il Csm farà il suo
mestiere che è quello di fare il giudice", conclude Vietti.
(Zca/Ct/Adnkronos)
08-NOV-13 18:31

Contraffazione: Vietti, "Altera le regole,basta indulgenza"
"Va contrastata in ogni manifestazione. Rallenta la crescita"
(ANSA) - NAPOLI, 8 NOV - "Non deve esserci indulgenza da
parte di forze dell' ordine e magistratura verso il reato di
vendita di prodotti contraffatti, perchè tutto quello che
altera le regole è un danno per il sistema economico". Il
richiamo è del vicepresidente del Csm Michele Vietti,
intervenuto ad un convegno del Banco di Napoli su "Ampiezza e
dinamiche dell' economia sommersa ed illegale".
"La contraffazione - ha aggiunto Vietti - danneggia la
competitività del Paese, e tutti, oltre a magistratura e Forze
dell' ordine, debbono sentirsi investiti della missione del
contrasto dell' economia sommersa ed illegale in tutte le sue
manifestazioni e del rispetto delle regole, che è una delle
condizioni per attrarre investimenti e recuperare competitività.
Via Toledo, dove ha sede il Banco di Napoli, è stata
sgomberata questa mattina dalle forze dell' ordine dagli
ambulanti che abitualmente vi stazionano vendendo borse, cd, ed
altri prodotti contraffatti e poi presidiata per impedirne il
ritorno. Alcune decine di ambulanti nordafricani si sono quindi
spostati sotto i portici di via San Giacomo, mentre gli
ambulanti cinesi, che vendono su carrettini mobili, hanno
occupato piazzetta Ponte di Tappia.  (ANSA).
DM
08-NOV-13 14:22

Categorie