Vietti a Caltanissetta, alla presentazione del suo libro "Facciamo giustizia", su minacce della mafia, decadenza Berlusconi, organici della magistratura, responsabilità civile dei magistrati

Vietti a Caltanissetta, alla presentazione del suo libro "Facciamo giustizia", su minacce della mafia, decadenza Berlusconi, organici della magistratura, responsabilità civile dei magistrati

|

MAFIA: VIETTI (CSM), NON SOTTOVALUTARE MINACCE A PM DI MATTEO =
'MAI ABBASSARE LA GUARDIA NEI CONFRONTI DI COSA NOSTRA'
Caltanissetta, 14 nov. - (Adnkronos) - "Non va sottovalutato nulla di ciò che
viene dalla criminalità organizzata. Ai magistrati oggetto di minacce va la
solidarietà del Consiglio superiore della magistratura".
Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, commentando le
minacce arrivate dal carcere dal boss Riina al pm antimafia Antonino Di Matteo
e ai pm del processo per la trattativa tra Stato e mafia.
"Sono certo che gli apparati di sicurezza garantiranno l'incolumità
di questi magistrati - dice ancora Vietti a Caltanissetta per presentare
il suo libro -Non bisogna mai abbassare la guardia nei confronti della
criminalità organizzata. E questo ci conferma che la magistratura
in questo paese rappresenta un presidio a tutela della legalità".
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 17:34

Stato-mafia: Vietti, non sottovalutare minacce Riina a Pm =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Non bisogna mai abbassare la
guardia nei confronti della criminalità organizzata. Le
minacce che Riina ha lanciato dal carcere ci confermano che la
magistratura giudicante e requirente in questo Paese
rappresentano davvero un presidio a tutela della legalità". Lo
ha detto Michele Vietti, vicepresidente del Consiglio superiore
della magistratura, oggi a Caltanissetta dove ha presentato il
suo libro "Facciamo giustizia", rispondendo ai giornalisti
sulle minacce rivolte dal capomafia corleonese contro Nino Di
Matteo e gli altri Pm del processo per la trattativa
Stato-mafia. "Credo - ha aggiunto Vietti - che non debba essere
sottovalutato nulla di ciò che proviene dalla criminalità
organizzata. A questi magistrati oggetto di minacce va la
solidarietà del Csm. Sono certo che gli apparati di sicurezza
garantiranno l'incolumità di questi magistrati". (AGI)
Cl1//Rap  (Segue)
141813 NOV 13

Stato-mafia: Vietti, non sottovalutare minacce Riina a Pm (2)=
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - A proposito delle
dichiarazioni del procuratore di Palermo, Francesco Messineo
secondo il quale le minacce del boss di Corleone rappresentano
una sorta di chiamata alle armi, Vietti ha affermato: "Non
tocca a me commentare le dichiarazioni del Procuratore di
Palermo. Ribadisco soltanto l'esigenza di non abbassare la
guardia. Nonostante le vittorie delle forze dell'ordine e della
magistratura nei confronti della mafia il pericolo è sempre
potenziale e dunque bisogna dare il massimo della solidarietà
a chi come le forze dell'ordine e i magistrati sono  impegnati
nel contrasto alla criminalità organizzata". (AGI)
Cl1//Rap
141813 NOV 13

MAFIA: VIETTI (CSM), MINACCE RIINA ASSIST A ENTITA' ESTERNE?
NON HO ELEMENTI =
Caltanissetta, 14 nov.- (Adnkronos) - Le minacce del boss Riina al pm
Di Matteo un "assist di Cosa nostra a entità esterne alla mafia, come dice
il Procuratore capo di Palermo Francesco Messineo?
"Non ho elementi nè per avallare nè per contrastare questa tesi
del Procuratore, se l'ha avanzata, avrà i suoi motivi. Io mi limito a dire
che ai magistrati oggetto di minacce va tutta la solidarietà del Csm".
Così il vicepresidente del Csm, Michele Vietti a Caltanissetta per
presentare il suo libro sulla giustizia.
"La magistratura rappresenta in questo paese e in particolare
in alcune aree un vero e proprio presidio di legalità che viene fatto
oggetto di attacchi da parte di coloro che minano la legalità, per questo
da parte delle istituzioni ci vuole il massimo di solidarietà nei confronti
dei magistrati che lavorano", ha detto.
(Ter/Opr/Adnkronos)
14-NOV-13 17:51

MAFIA: VIETTI (CSM), MAI ABBASSARE LA GUARDIA NONOSTANTE
VITTORIE FORZE ORDINE =
Caltanissetta, 14 nov. - (Adnkronos) - "Non spetta a me commentare
le dichiarazioni del Procuratore di Palermo, dico soltanto che non
bisogna abbassare mai la guardia nonostante le vittorie delle forze
del'ordine e della magistratura nei confronti della mafia".
Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, parlando
dell'allarme lanciato ieri dal Procuratore capo di Palermo,
Francesco Messineo che, dopo le minacce arrivate dal boss Riina
al pm Antonino Di Matteo, ha parlato di "chiamata alle armi di Riina".
"Il pericolo è sempre potenziale e dunque bisogna dare il massimo
di solidarietà a chi contrasta la criminalità organizzata", ha concluso.
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 17:41

DIRITTI TV: VIETTI (CSM), DECADENZA?
ORMAI E' UN PROBLEMA DEL PARLAMENTO =
Caltanissetta, 14 nov.- (Adnkronos) - "Ormai è un problema del
Parlamento. Sul fronte della giustizia, la magistratura ha fatto ciò
che doveva fare, ha reso una sentenza definitiva. La fase successiva
riguarda esclusivamente il Parlamento e quindi sarebbe improprio
se io mi avventurassi su un terreno che non ci compete".
Così il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, risponde ai giornalisti
che a Caltanissetta, a margine della presentazione del suo libro,
gli chiedono se sulla decadenza dell'ex premier Silvio Berlusconi
il Governo rischia di cadere.
(Ter/Opr/Adnkronos)
14-NOV-13 17:44

Berlusconi: Vietti, è un problema del Parlamento =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Ormai è un problema del
Parlamento". Lo ha detto Michele Vietti, vice presidente del
Csm, a proposito della vicenda giudiziaria di Berlusconi. "Su
quel fronte la magistratura - ha detto Vietti - ha fatto ciò
che le spettava fare e ha reso una sentenza definitiva. La fase
successiva riguarda esclusivamente il Parlamento e quindi
sarebbe improprio che io mi avventurassi su un terreno che non
ci compete". (AGI)
Cl1/Mrg
141848 NOV 13

MAFIA: VIETTI (CSM), MASSIMO RISPETTO DEVE ESSERCI
ANCHE TRA MAGISTRATI =
Caltanissetta, 14 nov. - (Adnkronos) - "Così come vanno respinti gli
attacchi esterni alla magistratura che deve essere oggetto del rispetto
di tutti, che non vuol dire non poterla criticare, è necessario anche che
all'interno della magistratura ci sia il massimo rispetto per il lavoro che
ciascuno fa". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti
parlando delle recenti polemiche tra il Procuratore aggiunto di Palermo,
Vittorio Teresi, che aveva criticato la sentenza Mori emessa dai giudici
del Tribunale del capoluogo siciliano. "Sono stati fatti dei chiarimenti
da parte del diretto interessato - dice ancora Vietti a Caltanissetta
per presentare il suo libro - e ha spiegato che non voleva delegittimare
i suoi colleghi".
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 17:56

Giustizia: Vietti, magistratura deve avere il rispetto di tutti =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Gli attacchi esterni alla
magistratura vanno respinti. La magistratura deve essere
oggetto del rispetto di tutti, il che non vuol dire non poterla
criticare ma nei limiti e nei toni dovuti così come è
necessario che all'interno della magistratura e fra magistrati
ci sia il massimo rispetto per il lavoro che ciascuno fa". Lo
ha detto Michele Vietti, vicepresidente del Csm, rispondendo ai
giornalisti nel pomeriggio a Caltanissetta. (AGI)
Cl1/Rap
141818 NOV 13

GIUSTIZIA: VIETTI (CSM), DIFFICILE COPRIRE TUTTI I POSTI
VACANTI NELL'ORGANICO =
Caltanissetta, 14 nov.- (Adnkronos) - "Purtroppo la coperta è
corta per tutta Italia, abbiamo 1.300 scoperture nell'organico e
questo ci rende difficile potere coprire tutti i posti vacanti. Mi
auguro che dalla riforma della geografia giudiziaria sia possibile
recuperare risorse che possono esser distribuite in modo più
razionale sul territorio. Stiamo attuando la riforma e spero che
abreve si avranno i primi risultati". Così il vicepresidente del Csm,
Michele Vietti a Caltanissetta per presentare il suo libro sulla giustizia.
(Ter/Opr/Adnkronos)
14-NOV-13 18:16

Giustizia: Vietti, un buco di 1.300 posti in organico magistrati =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Noi abbiamo circa 1.300
scoperture nell'organico dei magistrati e questo rende
difficile poter coprire tutti i posti negli uffici". Lo ha
detto Michele Vietti, vicepresidente del Csm, rispondendo ai
giornalisti nel pomeriggio a Caltanissetta. "Mi auguro -ha
aggiunto- che dalla riforma della geografia giudiziaria sia
possibile recuperare risorse e che vengano distribuite in modo
più razionale sul territorio. Questa era l'intenzione della
riforma. La stiamo attuando e spero che presto si vedranno
anche i primi risultati". (AGI)
Cl1/Rap
141821 NOV 13

GIUSTIZIA: VIETTI (CSM), PROCESSI HANNO TEMPI IRRAGIONEVOLI =
Caltanissetta, 14 nov. - (Adnkronos) - "Rendiamo giustizia in
tempi irragionevoli, questo ci fa oggetto delle sanzioni da parte
dell'Europa". E' quanto dice il vicepresidente del Csm, Michele Vietti
durante la presentazione del suo libro sulla giustizia, in corso a
Caltanissetta alla presenza del Procuratore nazionale antimafia
Franco Roberti. "Nel penale bisogna portare fuori dal processo
alcuni tipi di reati, in parte con depenalizzazione e in parte ricorrendo
ai riti alternativi, nel civile bisogna portare fuori dal circuito giudiziario
a una serie di controversie", aggiunge Vietti.
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 18:39

Giustizia: Vietti, troppo lenta. Occorre alleggerire sistema =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - Michele Vietti, vice
presidente del Csm, oggi a Caltanissetta, affronta i mali della
giustizia e indica la strada da intraprendere per risolverli,
nel suo libro "Facciamo giustizia. Istruzioni per l'uso del
sistema giudiziario". "Ho provato ad esporre - ha spiegato -
qualche ricetta, credo anche a costo zero, per risolvere i
tanti problemi che affiggono la nostra giustizia. Il problema
principale è la lentezza. Noi rendiamo giustizia in tempi
irragionevoli. Questo ci fa oggetto di sanzioni da parte
dell'Europa e soprattutto non ci consente di dare ai cittadini
quelle risposte in termini di celerità e di prevedibilità che
si aspettano e a cui hanno diritto". (AGI)
Cl1/Mrg  (Segue)
141846 NOV 13

Giustizia: Vietti, troppo lenta. Occorre alleggerire sistema (2)=
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Nel civile - ha aggiunto
Vietti - bisogna portar fuori dal circuito giudiziario tutta
una serie di controversie che possono utilmente essere affidate
alle forme di composizione alternative, come le conciliazioni,
la mediazione e l'arbitrato". Anche nel penale "bisogna portare
fuori da processo tutta una serie di reati, in parte con
un'azione di depenalizzazione e in parte ricorrendo in modo
più determinato ai riti alternativi. Per il problema legato
invece alle carceri italiani, anche qui bisognerebbe ricorrere
a una depenalizzazione. Bisognerebbe prevedere pene alternative
a quelle della detenzione carceraria". (AGI)
Cl1/Mrg
141846 NOV 13

GIUSTIZIA: VIETTI (CSM), RESPONSABILITA' CIVILE MAGISTRATI
SAREBBE COLLASSO SISTEMA =
'CHI INSISTE LO VUOLE SOLO PER RAGIONI IDEOLOGICO-PUNITIVO'
Caltanissetta, 14 nov. (Adnkronos) - "La responsabilità civile
del magistrato porterebbe al collasso della giustizia in poco tempo,
ogni causa ne produrrebbe una terza per responsabilità civile nei
confronti dei magistrati". Il vicepresidente del Csm, Michele Vietti
si dice nettamente contrario all'introduzione della responsabilità diretta
del magistrato. "Oltre agli anomali tre gradi di giudizio - spiega a
Caltanissetta dove sta presentando il suo libro 'Facciamo giustizia' -
avremmo anche la triplicazione dei casi, questo determinerebbe
l'insostenibilità del sistema. Perchè non può rispondere direttamente
il magistrato? Perchè è l'unica professione che comunque decida,
la parte opposta, o accusa o difesa, sostiene che ha sbagliato".
Secondo Vietti, in questo modo il magistrato "non sarebbe più
autonomo e indipendente, un magistrato diventa condizionabile con
la responsabilità civile - dice ancora Vietti - otterremmo un peggiore
esercizio della giurisdizione. Chi insiste sulla responsabilità diretta del
magistrato, lo vuole per ragioni ideologico-punitive. Si può invece
discutere dell'azione di rivalsa. Ma non si può ammettere neppure la
discussione della responsabilità civile dei magistrati".
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 19:10

GIUSTIZIA: VIETTI (CSM), I MAGISTRATI NON SIANO TROMBETTIERI SOLISTI =
Caltanissetta, 14 nov. - (Adnkronos) - Tra i magistrati degli uffici giudiziari
italiani "non abbiamo bisogno di trombiettieri solisti, ma di musici che sappiano
leggere bene i propri spartiti, lo facciano studiando e aggiornandosi, seguendo
il direttore d'orchestra, che poi è il capo del loro ufficio, lo facciano
insomma con spirito corale. Credo molto a questo spirito, la giustizia è frutto di un'azione corale".
Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, parlando a Caltanissetta alla presentazione
del suo libro 'Facciamo giustizia'. Al termine del suo intervento, alla domanda se il riferimento
fosse all'ex pm Antonio Ingroia, Vietti ha sorriso senza rispondere.
(Ter/Ct/Adnkronos)
14-NOV-13 19:24

Giustizia: Vietti, non abbiamo bisogno di trombettieri solisti =
(AGI) - Caltanissetta, 14 nov. - "Il sistema giudiziario è
come un'orchestra. Non abbiamo bisogno di trombettieri solisti,
ma di musici che sappiano leggere bene il proprio spartito, in
modo professionale, studiando, aggiornandosi, seguendo il
direttore d'orchestra, il capo dell'ufficio". Lo ha detto
Michele Vietti, vicepresidente del Csm, oggi a Caltanissetta,
in occasione della presentazione del suo libro "Facciamo
giustizia. Istruzioni per l'uso del sistema giudiziario". "Il
magistrato - ha spiegato Vietti - fa parte di un'organizzazione
e solo se integrato in questa organizzazione può offrire il
suo valido contributo e collabora per garantire una giustizia
adeguata. La giustizia è un fatto corale. Serve una
magistratura che si senta coinvolta. Ma solo se ognuno rispetta
le regole possiamo diventare un Paese più appetibile e
competitivo". (AGI)
Cl1/Mrg
141936 NOV 13

Categorie