Vietti a Torino alla presentazione del libro "Facciamo giustizia" su geografia giudiziaria, carceri, vacanze procure, Compagnia San Paolo

Vietti a Torino alla presentazione del libro "Facciamo giustizia" su geografia giudiziaria, carceri, vacanze procure, Compagnia San Paolo

|

GIUSTIZIA: VIETTI, INIMMAGINABILE TORNARE INDIETRO SU RIFORMA TRIBUNALI
Torino, 17 gen. - (Adnkronos) - "Faccio mie le parole del capo
dello Stato: pensare di tornare indietro nella riforma della geografia
giudiziaria è qualcosa di inimmaginabile". Così il vice presidente
del Csm, Michele Vietti, che a margine della presentazione del suo
libro 'Facciamo giustizia' all'Ucid di Torino ha spiegato: "la riforma
è già attuata, il Csm non ha più coperto i posti degli uffici
direttivi sopressi, i fascicoli delle cause nuove sono già affluiti
agli uffici accorpanti e dunque rischiamo che per issare una bandiera
su qualche campanile interrompiamo un circuito virtuoso senza neppure
poi riuscire a tornare indietro", ha concluso.
(Abr/Opr/Adnkronos)
17-GEN-14 19:22

Vietti: inimmaginabile stoppare riforma geografia giudiziaria
Per campanilismo si rischia di interrompere circuito virtuoso
Torino, 17 gen. (TMNews) - "Faccio mie le parole del capo dello
Stato: pensare di tornare indietro sulla riforma della geografia
giudiziaria è qualcosa di inimmaginabile". Lo ha detto il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, a Torino, a margine della
presentazione del suo libro 'Facciamo giustizia', spiegando che
"la riforma è già attuata". "Il Csm non ha più coperto i posti
degli uffici direttivi soppressi - ha spiegato Vietti - i
fascicoli delle cause nuove sono già attribuiti agli uffici
accorpanti e quindi rischiamo che per issare una bandiera su
qualche campanile interrompiamo un circuito virtuoso, senza che
sia possibile neppure tornare indietro".
Prs/Sar
171924 gen 14

Tribunali: Vietti, inimmaginabile tornare indietro =
(AGI) - Torino, 17 gen. - "Faccio mie le parole del Capo dello
Stato:pensare di tornare indietro nella riforma della geografia
giudiziaria è qualche cosa di inimmaginabile". Cosi il
vicepresidente del Csm Michele Vietti, a margine della
presentazione del suo libro "Facciamo giustizia", ha risposto
sulle polemiche ancora presenti sulla riforma dei tribunali. "
Anche perchè. - ha aggiunto - la riforma è già attuata: il
Csm non ha più coperto i posti degli uffici direttivi
soppressi, i fascicoli delle cause nuove sono già affluiti
agli uffici accorpanti e, dunque, - ha concluso - rischiamo che
per issare una bandiera su qualche campanile interrompiamo un
circuito virtuoso senza riuscire davvero neppure a tornare
indietro". (AGI)
Chc
171926 GEN 14

Taglio tribunali: Vietti, inimmaginabile tornare indietro
Vicepresidente Csm, campanilismo interrompe circuito virtuoso
(ANSA) - TORINO, 17 GEN - "Faccio mie le parole del Capo
dello Stato: pensare di tornare indietro sulla riforma della
geografia giudiziaria è inimmaginabile". Lo afferma il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, che questa sera presenta
a Torino il suo libro 'Facciamo giustizia'.
"La riforma - aggiunge - è già attuata. Il Csm non ha più
coperto i posti degli uffici direttivi soppressi, i fascicoli
delle cause nuove sono già affluiti negli uffici accorpanti, per
cui rischiamo che per issare una bandiera su qualche campanile
interrompiamo un circuito virtuoso senza riuscire più neppure a
tornare indietro". (ANSA).
BEC
17-GEN-14 19:37

Carceri: Vietti, servono interventi strutturali =
(AGI) - Torino, 17 gen. - "Non c'è dubbio che l'Europa ci ha
chiesto e, quindi, l'Italia deve fare, interventi per
deflazionare le presenze in carcere. Certo bisogna stare
attenti a non limitarsi ad interventi che, non essendo
strutturali, dopo qualche tempo riproducano gli stessi
problemi". E' quanto ha risposto il vice presidente del Csm
Michele Vietti, a margine di un incontro, a proposito del tema
del sovraffollamento carcerario. "Per quanto riguarda la
custodia cautelare - ha aggiunto - non c'è dubbio che sia
diffusa l'esigenza di interventi riformatori, che evitino il
dato allarmante, anche questo rilevato in sede europea, di una
presenza eccessiva in carcere di persone, che non sono state
condannate in via definitiva". (AGI)
Chc
171937 GEN 14

Vietti: su affollamento carceri servono interventi strutturali
Presenza eccessiva di persone non condannate in via definitiva
Torino, 17 gen. (TMNews) - "Non c'è dubbio che l'Europa ci abbia
chiesto interventi per deflazionare le presenze in carcere. Ma
bisogna stare attenti a non limitarsi a interventi che non
essendo strutturali dopo qualche tempo riportano gli stessi
problemi". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti,
commentando i provvedimenti adottati dal governo sul
sovraffollamento delle carceri, a margine della presentazione del
suo libro "facciamo giustizia". Per Vietti "per quanto riguarda
la custodia cautelare non c'è dubbio che sia diffusa l'esigenza
di interventi riformatori che evitino il dato allarmante di una
presenza eccessiva in carcere di persone non condannate in via
definitiva".
Prs/Sar
171946 gen 14

Carceri: Vietti, no interventi spot, non risolvono problemi
(ANSA) - TORINO, 17 GEN - "Non c'e dubbio che l'Europa ci
abbia chiesto interventi per deflazionare le presenze nei nostri
carceri, ma bisogna stare attenti a non limitarsi a interventi
non strutturali che dopo qualche tempo riportino gli stessi
problemi". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele
Vietti, presentando stasera all'Ucid di Torino il suo libro
'Facciamo giustizia'.
"Per quanto riguarda la custodia cautelare - ha aggiunto -
non c'è dubbio che ci sia l'esigenza di interventi riformatori
che evitino il dato allarmante, anche questo rilevato a livello
europeo, di una presenza eccessiva in carcere di persone non
condannate in via definitiva". (ANSA).
BEC
17-GEN-14 19:48

CARCERI: VIETTI, SERVONO INTERVENTI STRUTTURALI PER DEFLAZIONARE AFFOLLAMENTO =
Torino, 17 giu. - (Adnkronos) - "Non c'è dubbio che l'Europa ci
ha chiesto, e quindi l'Italia deve fare, interventi per deflazionare
le presenze in carcere. Certo bisogna stare attenti a non limitarsi ad
interventi che non essendo strutturali dopo qualche tempo riproducano
gli stessi problemi". Così il vice presidente del Csm, Michele
Vietti, interpellato a margine della presentazione del suo libro
'Facciamo giustizia' all'Ucid di Torino sui provvedimenti adottati dal
Governo per fronteggiare il sovraffollamento delle carceri.
"Per quanto riguarda la custodia cautelare - ha aggiunto - non
c'è dubbio che sia diffusa l'esigenza di interventi riformatori che
evitino il dato allarmante, anche questo rilevato in sede europea, di
una presenza eccessiva in carcere di persone che non sono state
condannate in via definitiva".
(Red/Zn/Adnkronos)
17-GEN-14 19:51

Carceri: Vietti, contro affollamento servono interventi strutturali =
(ASCA) - Torino, 17 gen 2014 - "Non c'è dubbio che l'Europa
ci ha chiesto interventi per deflazionare le presenza in
carcere. Certo bisogna stare attenti a non limitarsi a
interventi che non essendo strutturali dopo qualche tempo
fanno emergere gli stessi problemi". E' quanto ha
sottolineato il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, a
margine della presentazione del suo libro: "Facciamo
giustizia" sulle ipotesi allo studio del governo per
rimediare al sovraffollamento delle carceri. "Per quanto
riguarda la custodia cautelare - ha aggiunto Vietti - non
c'è dubbio che sia diffusa l'esigenza di interventi
riformatori che puntino a risolvere il dato allarmante di una
presenza eccessiva in carcere di persone non condannate in
via definitiva".
eg/cam/alf
172015 GEN 14

GIUSTIZIA: VIETTI, ENTRO QUALCHE MESE DECISIONE SU PROCURE VACANTI =
Torino, 17 gen. - (Adnkronos) - Entro qualche mese saranno prese
le decisioni sulle sedi vacanti delle procure, tra cui Torino. Lo ha
detto il vice presidente del Csm, Michele Vietti che a Torino a
margine della presentazione del suo libro 'Facciamo giustizia',
interpellato sui tempi ha osservato: "le procure le stiamo esaminando,
Siamo ampiamente nei termini. La commissione, ovviamente, ha la
discrezionalità di valutare se esaminare con una certa contestualità
una serie di uffici che sono scoperti oppure ritenere che ci siano
ragioni per coprirne prima l'uno e poi l'altro. Credo che sia una
questione di qualche mese", ha concluso.
(Red/Zn/Adnkronos)
17-GEN-14 20:08

Giustizia:Vietti,su nuovo procuratore Torino siamo nei tempi
(ANSA) - TORINO, 17 GEN - Per la nomina del nuovo procuratore
capo di Torino "siamo perfettamente nei tempi. La Commissione,
che ne ha la discrezionalità, sta valutando se esaminare insieme
una serie di uffici scoperti o se decidere prima per uno o per
un altro. Credo comunque sia una questione di qualche mese". Il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ha risposto così questa
sera a Torino ai giornalisti che gli chiedevano quali fossero i
tempi previsti per la nomina del nuovo capo della Procura del
capoluogo piemontese in sostituzione di Giancarlo Caselli,
andato in pensione.
A chi gli ha chiesto come si stiano muovendo le 'correnti'
interne al Csm sulla questione della nomina dei responsabili
delle Procure attualmente senza vertici, Vietti ha risposto con
una battuta: "Renzi direbbe...correnti chi?".  (ANSA).
BEC
17-GEN-14 20:56

Compagnia Sp, Vietti: presidente? Ma non dovevo fare il ministro?
Allora non dovrei restare disoccupato dopo Csm
Torino, 17 gen. (TMNews) - "Ma non dovevo fare il ministro?". Ha
risposto con un'altra domanda il vicepresidente del Csm, Michele
Vietti, interpellato sui rumors di oggi che lo danno tra i
candidati alla successione di Sergio Chiamparino, alla presidenza
della Compagnia di San Paolo. "Sono tutte notizie queste
confortanti, perché mi fanno pensare che una volta finito il mio
mandato al Csm non dovrei restare disoccupato", ha scherzato
Vietti.
Prs/Sar
171914 gen 14

COMPAGNIA SP: VIETTI, IO PRESIDENTE? NON DOVEVO FARE IL MINISTRO? =
Torino, 17 gen. - (Adnkronos) - "Io presidente della Compagnia
di San Paolo? Ma non dovevo fare il ministro?". Cosi, con una battuta
il vice presidente del Csm, Michele Vietti, interpellato a margine di
un incontro a Torino, sulle indiscrezioni che lo vorrebbero candidato
alla presidenza della Compagnia di San Paolo. "Sono tutte notizie
confortanti perchèche mi fanno pensare che finito il mio mandato al
Consiglio superiore non dovrei restare disoccupato", ha chiosato
Vietti, che nei giorni era stato indicato come possibile ministro in
caso di un eventuale rimpasto di Governo.
(Red/Zn/Adnkronos)
17-GEN-14 19:16

Compagnia Sp: Vietti, io presidente? non dovevo fare ministro? =
(AGI) - Torino, 17 gen. - "Ma non dovevo fare il ministro?".
Cosi il vicepresidente del Csm Michele Vietti, con una battuta,
a margine di un incontro, a Torino, risponde sulle
indiscrezioni di un suo arrivo al vertice della Fondazione
torinese. "Sono tutte notizie confortanti, - ha aggiunto - che
mi fanno pensare che, una volta finito il mio mandato al Csm,
non dovrei restare disoccupato". (AGI)
Chc
171919 GEN 14

Governo: Vietti (Csm), ma non dovevo fare il ministro?
Scherza con chi gli chiede d'un impegno con Compagnia San Paolo
(ANSA) - TORINO, 17 TOR - "Io presidente della Compagnia di
San Paolo? Ma non dovevo fare il ministro?". Così, con una
battuta, il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, intervenuto
in serata in un incontro a Torino, ha risposto ai giornalisti
che gli chiedevano un commento sulla sua possibile
ricollocazione alla fine del suo mandato.
Vietti sarebbe stato indicato da alcuni come possibile futuro
ministro in un eventuale rimpasto di governo. "Certamente queste
notizie mi fanno piacere - ha detto - perchè mi fanno pensare
che una volta finito il mio mandato in Csm, non resterò
disoccupato". (ANSA)
BEC
17-GEN-14 19:29

Compagnia San Paolo: Vietti, io presidente? Ma non dovevo fare ministro? =
(ASCA) - Torino, 17 gen 2014 - Scherza il vicepresidente del
Csm, Michele Vietti, sulle ultime indiscrezioni che lo
vorrebbero tra i candidati al vertice della Compagnia di San
Paolo al posto del dimissionario Sergio Chiamparino. "Ma non
dovevo fare il ministro?", dice rivolto ai giornalisti a
margine della presentazione del suo libro: "Facciamo
giustizia" nella sede dell'Ucid, l'associazione degli
imprenditori cattolici. "Sono tutte notizie confortanti - ha
proseguito Vietti - perchè mi fanno pensare che una volta
finito il mio mandato al Csm non dovrei restare
disoccupato".
eg/cam/alf
172008 GEN 14

Categorie