Vietti a Napoli al convegno “Capitale di rischio e di credito all’epoca della crisi” su dichiarazioni di Berlusconi sui magistrati, sulla responsabilità disciplinare, sui magistrati Esposito

Vietti a Napoli al convegno “Capitale di rischio e di credito all’epoca della crisi” su dichiarazioni di Berlusconi sui magistrati, sulla responsabilità disciplinare, sui magistrati Esposito

|

Berlusconi: Vietti, da lui parole irrispettose e diseducative =
(AGI) - Napoli, 7 mar. - Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi,
dopo il diniego della magistratura alla sua partecipazione
all'assemblea del Ppe, sono 'irrispettose e diseducative' per
il vicepresidente del Csm, Michele Vietti. A margine di un
convegno al Banco di Napoli, Vietti sottolinea che "le regole
sulla mobilità dei condannati sono stabilite dalla legge" e
nel caso specifico dell'ex premier, "la magistratura non aveva
margini di manovra". Ma accomunare mafia e magistratura, "l'uso
di certe espressioni", anzitutto è "una contraddizione in
termini, perchè la mafia è una organizzazione criminale e la
magistratura è il presidio della legalità nel Paese".
"Accomunarle - conclude - è profondamente irrispettoso e
profondamente diseducativo anche per l'opinione pubblica".
(AGI)
Lil/Chi
071049 MAR 14

Berlusconi: Vietti, da lui parole diseducative
'Magistratura e' presidio legalità del Paese
(ANSA) - NAPOLI, 7 MAR - "Le regole sulla mobilità dei
condannati sono stabilite dalla legge, ed in questo caso la
magistratura non aveva margini di manovra". Così il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ha risposto alla domanda
di un giornalista sulle dichiarazioni polemiche di Silvio
Berlusconi nei confronti del giudice del Tribunale di Milano
dopo la mancata autorizzazione a recarsi in Irlanda per
assistere al congresso del Ppe.
"Quanto all'uso di certe espressioni - ha aggiunto Vietti -
esse costituiscono anzitutto una contraddizione in termini,
perché la mafia è una organizzazione criminale e la magistratura
il presidio della legalità nel Paese. Accomunarle -ha concluso
il vicepresidente del Csm - è profondamente diseducativo anche
per l'opinione pubblica".(ANSA).
DM/VIT
07-MAR-14 10:47

GIUSTIZIA: VIETTI, SU MAGISTRATURA BERLUSCONI IRRISPETTOSO E DISEDUCATIVO =
Napoli, 7 mar. - (Adnkronos) - "L'uso di certe espressioni da
parte di Silvio Berlusconi "sono una contraddizione in termini,
perchè la mafia è un'organizzazione criminale e la magistratura è
il presidio della legalità nel Paese. Accomumarle è profondamente
irrispettoso e profondamente diseducativo anche per l'opinione
pubblica". Lo ha detto il vicepresidente del Csm Michele Vietti, a
Napoli per un convegno al Banco di Napoli. "Le regole sulla mobilità
dei condannati - ha aggiunto Vietti - sono stabilite dalla legge e in
questo la magistratura non aveva margini di manovra".
(Zca/Zn/Adnkronos)
07-MAR-14 11:41

Csm: Vietti, azione responsabilità civile diventi automatica
'Si' a modifica legge 1988,no a azione diretta contro magistratì
(ANSA) - NAPOLI, 7 MAR - "Non ho detto che bisogna lasciare
le cose come stanno in tema di responsabilità civile dei
magistrati, ho detto che non è immaginabile consentire un'azione
di responsabilità diretta nei confronti del magistrato". Cosi"
il vicepresidente del Csm, Michele Vietti, ha precisato la sua
posizione su una riforma della responsabilità civile dei
magistrati rispondendo alla domanda di un giornalista a Napoli.
"L'azione diretta oltre ad un effetto di moltiplicazione dei
giudizi rischierebbe di privare il magistrato del suo bene più
prezioso, che è l'autonomia e l'indipendenza di giudizio. Un
magistrato esposto all'azione della parte economicamente più
forte - ha proseguito Vietti - inevitabilmente sarebbe
condizionato nella sua decisione. Però il sistema della legge
del 1988 non funziona perché lo Stato non esercita la rivalsa
nei confronti del magistrato. E' lì che bisogna intervenire a
mio parere - ha concluso Vietti - eliminando il filtro che oggi
impedisce la rivalsa, o la limita a casi eccezionali, e quindi
rendendo l'azione che lo Stato esercita nei confronti del
magistrato automatica".(ANSA).
DM/VIT
07-MAR-14 10:57

Responsabilità toghe: Vietti, rendere automatica rivalsa Stato =
(AGI) - Napoli, 7 mar. - L'attuale sistema che regola la
responsabilità civile dei magistrati offre "una soluzione poco
efficace", "non funziona" e occorre cambiarlo. Lo dice, a
Napoli, a margine di un convegno del Banco di Napoli, il
vicepresidente del Csm, Michele Vietti, che sottolinea tuttavia
che "non è immaginabile consentire un'azione di
responsabilità diretta nei confronti del magistrato". "Oltre
ad un effetto di moltiplicazione dei giudizi, questo
rischierebbe di privare il magistrato del suo bene più
prezioso, che è l'autonomia e l'indipendenza di giudizio",
lasciandolo "esposto all'azione della parte economica più
forte" e quindi "inevitabilmente condizionato".
Tuttavia, "il sistema della legge del 1988 non funziona -
ragiona Vietti - perché lo Stato non esercita la rivalsa nei
confronti dei magistrati. Lì bisogna intervenire. A mio
parere, eliminando il filtro che di fatto impedisce la rivalsa,
o la limita a casi eccezionali, rendendo l'azione che lo Stato
esercita in casi eccezionali automatica". (AGI)
Lil/Chi
071101 MAR 14

GIUSTIZIA: VIETTI, SU RESPONSABILITA' CIVILE RENDERE AUTOMATICA AZIONE STATO =
Napoli, 7 mar. - (Adnkronos) - "L'attuale soluzione" che regola
la responsabilità civile dei magistrati "è poco efficace" e "non
funziona" perchè "lo Stato non esercita la rivalsa nei confronti del
magistrato. Bisogna intervenire eliminando il filtro che di fatto oggi
impedisce la rivalsa, o la limita a casi eccezionali, rendendo quindi
automatica l'azione che lo Stato esercita nei confronti del
magistrato". Lo dichiara Michele Vietti, vicepresidente del Csm, a
Napoli per un convegno.
"Non è immaginabile - ha aggiunto - consentire un'azione di
responsabilità diretta nei confronti del magistrato perchè questo,
oltre a un effetto di moltiplicazione dei giudizi, rischierebbe di
privare il magistrato del suo bene piu prezioso: l'autonomia e
l'indipendenza di giudizio". "Un magistrato esposto all'azione della
parte economicamente piu forte inevitabilmente sarebbe condizionato
nella sua decisione", conclude.
(Zca/Zn/Adnkronos)
07-MAR-14 11:47

Giustizia: Vietti,distinte vicende Ferdinando e Antonio Esposito  =
(AGI) - Napoli, 7 mar. - Il caso del pm Ferdinando Esposito e quello
del giudice di Cassazione Antonio, suo padre, sono distinti e non
correlati. Lo sottolinea a Napoli il vicepresidente del Csm Michele
Vietti, rispondendo a una domanda dei cronisti a margine di un
convegno del Banco di Napoli. "Due vicende indipendenti - dice -
impropriamente abbinate. Tra le due non vedo nessuna correlazione".
(AGI)
Lil
071321 MAR 14

Csm: Vietti, pm Esposito indagato ? no connessioni con padre
'Vicende giudiziarie indipendenti abbinate impropriamente'
(ANSA) - NAPOLI, 7 MAR - Per il vicepresidente del Csm
Michele Vietti "non c'è nessuna connessione" tra il procedimento
disciplinare nei confronti del giudice di Cassazione Antonio
Esposito, che condannò Silvio Berlusconi nel processo per i
diritti Mediaset, e la vicenda del figlio, il pm Ferdinando
Esposito, attualmente indagato.
"Il provvedimento per Antonio Esposito - ha detto Vietti,
rispondendo alla domanda di un giornalista a margine di un
convegno a Napoli - è stato deciso nella sua autonomia dalla
Procura generale, che però ha un obbligo di esercizio dell'
azione disciplinare quando ritenga che ne ricorrano i
presupposti. Quella del figlio - ha proseguito Vietti - è una
vicenda assolutamente indipendente, che è stata impropriamente
abbinata, ma nella quale non vedo alcuna connessione".(ANSA).
DM
07-MAR-14 13:29 

Categorie