UNOMATTINA - "La magistratura è presidio di legalità contro la criminalità organizzata"

UNOMATTINA - "La magistratura è presidio di legalità contro la criminalità organizzata"

|

Carceri: Vietti, no interventi spot, più pene alternative  =
(AGI) - Roma, 2 apr. - Basta "interventi spot, come gli svuota
carceri che facciamo ogni tanto", bisogna "cambiare la linea politica
che minaccia sempre il carcere" e "trovare misure alternative al
carcere". Lo ha detto il vicepresidente del Csm, Michele Vietti,
durante un'intervista con Unomattina, ricordando che "a fine maggio
scadono i termini che l'Europa ci ha imposto, perchè i detenuti
hanno spazi insufficienti e vivono in condizioni non umane". (AGI)
Oll (Segue)
020916 APR 14

Carceri: Vietti, no interventi spot, più pene alternative (2)=
(AGI) - Roma, 2 apr. - Il vicepresidente del Csm ha ricordato
che "la riabilitazione di un detenuto avviene più fuori dal
carcere" e ha espresso apprezzamento per l'accordo firmato ieri
dal guardasigilli Andrea Orlando in Marocco per il
trasferimento, nel loro Paese, di detenuti marocchini
attualmente in Italia. "E' un buon esempio - ha osservato - che
spero abbia un seguito".
Sulla questione degli ospedali psichiatrici giudiziari la
cui chiusura è stata prorogata di un anno con un decreto legge
varato lunedì in Consiglio dei ministri, Vietti ha rilevato
che "la proroga è un pò un fallimento: il Parlamento aveva
deciso di sopprimere gli ospedali psichiatrici giudiziari,
constatando la loro situazione di degrado e grave inciviltà.
Toccava alle Regioni trovare soluzioni alternative ma non è
stato fatto niente. Il rinvio impone di trovare nuove
situazioni per contemperare che si sconti la pena, accanto alla
tutela della salute". (AGI)
Oll/Chi
020916 APR 14

CARCERI: VIETTI, NON SERVONO INTERVENTI SPOT, CAMBIARE POLITICA CRIMINALE =
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - "Bisogna deflazionare la popolazione
carceraria, ma per farlo non servono interventi spot, i cosiddetti
'svuotacarceri' che facciamo ogni tanto. Bisogna cambiare la politica
criminale, che pensa di minacciare sempre sanzioni penali e in
particolare la pena del carcere". Così il vicepresidente del
Consiglio superiore della magistratura, Michele Vietti, ospite di
'Unomattina', ha risposto ad una domanda sugli interventi necessari
per risolvere il sovraffollamento carcerario, in vista della scadenza
imposta all'Italia dalla Corte europea di Strasburgo.
"A fine maggio scadono i termini che ci ha dato l'Europa per
porre fine a una condizione dichiarata di violazione dei diritti umani
nelle nostre carceri -ha ricordato Vietti- se non lo faremo andremo
incontro a pesanti sanzioni anche di ordine economico, oltre che ad
una sorta di messa all'indice".
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 09:44

CARCERI: VIETTI, RINVIO CHIUSURA OPG E' FALLIMENTO =
NECESSARIO ADOTTARE SOLUZIONI
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - "Un fallimento". Così il
vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Michele
Vietti, definisce il rinvio della chiusura degli Ospedali psichiatrici
giudiziari.
"Il Parlamento ne aveva deciso la soppressione perchè ne aveva
constatato la condizione di assoluto degrado e di grave inciviltà
-ricorda Vietti, ospite di 'Unomattina'- toccava alle Regioni
predisporre soluzioni alternative ma i termini sono passati e non è
stato fatto niente. Di qui la necessità di un rinvio che però impone
di adottare presto soluzioni. Si tratta di condannati particolari, che
hanno problemi di salute e dunque -conclude il vicepresidente del Csm-
bisogna contemperare la pena con la tutela della salute".
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 09:37

Carceri: Vietti, rinvio chiusura Opg un fallimento
In penitenziari condizioni inumane, basta interventi spot
(ANSA) - ROMA, 2 APR - "Un fallimento": così il vice
presidente del Csm Michele Vietti giudica il rinvio della
chiusura degli ospedali psichiatrico-giudiziari, uno slittamento
che "impone di adottare presto" le soluzioni necessarie.
"Il Parlamento aveva deciso la soppressione degli Opg - ha
ricordato Vietti nel corso di un'intervista a Unomattina - per
le condizioni di assoluto degrado e grave inciviltà in cui
vivono i ricoverati".
Parlando poi della questione carceri, Vietti ha ricordato che
"a fine maggio scade il termine che l'Europa ci ha dato per
mettere fine a condizioni di violazione di di diritti umani. Se
non lo faremo ci saranno pesanti sanzioni di ordine economico
oltre che la messa all'indice da parte dell'Europa". Per il vice
presidente contro il sovraffollamento, "non servono interventi
spot, ma cambiare completamente la politica criminale del Paese,
che minaccia la pena del  carcere per tutto".Giudizio positivo
infine sull'accordo del ministro della Giustizia con il
Marocco:"spero  sia seguito da altri".(ANSA)
FH
02-APR-14 09:40

CARCERI: VIETTI, BENE ACCORDO CON MAROCCO, NE SEGUANO ALTRI =
MOLTO ALTA PERCENTUALE DETENUTI STRANIERI
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - Quello siglato dal ministro della
Giustizia Andrea Orlando con il Marocco per consentire ai detenuti di
quel paese di scontare la pena in patria "è un buon esempio, che
spero venga presto seguito da altri accordi analoghi". Lo ha detto il
vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Michele
Vietti, intervistato a 'Unomattina', ricordando che "la percentuale di
stranieri nelle carceri italiane è molto alta e da tempo si parla di
accordi con i paesi di provenienza perchè scontino lì la pena".
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 09:39

Mafie: Vietti, non abbassare guardia; difendere le toghe =
(AGI) - Roma, 2 apr. - "Le mafie sono sempre all'opera, non
bisogna abbassare la guardia". Lo ha detto il vicepresidente
del Csm, Michele Vietti, intervistato a Unomattina.
"La magistratura - ha aggiunto - è presidio di legalità
contro la criminalità organizzata e non solo. Con tutti i loro
difetti, i magistrati vanno difesi e non vanno mai
delegittimati". (AGI)
Oll/Chi
020917 APR 14

Mafia: Vietti, non abbassare guardia, bene magistrati Reggio
(ANSA) - ROMA, 2 APR - "Le mafie sono sempre all'opera, non
bisogna abbassare la guardia". Lo osserva il vice presidente del
Csm, Michele Vietti,a proposito del ritrovamento di un grosso
quantitativo di armi che fa ipotizzare alla procura di Reggio
Calabria la preparazione di un attentato. Parole di
apprezzamento per i magistrati di quell'ufficio giudiziario:
"dimostrano che la magistratura è presidio di legalità contro la
criminalità organizzata". (ANSA).
FH
02-APR-14 09:51

MAFIA: VIETTI, NON ABBASSARE GUARDIA E NON DELEGITTIMARE MAGISTRATI =
GUAI A SOTTOVALUTARE INFILTRAZIONI IN SISTEMA ECONOMICO
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - "Le mafie sono sempre all'opera, non
bisogna abbassare la guardia. I magistrati di Reggio Calabria sono la
dimostrazione vivente di come nel nostro paese la magistratura sia un
presidio di legalità contro la criminalità organizzata e non solo.
Per questo i magistrati, con tutti i loro difetti, vanno difesi e non
vanno mai delegittimati". A sottolinearlo, ospite di 'Unomattina', è
il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura, Michele
Vietti.
"La minaccia della mafia è cambiata nelle sue modalità, spara
di meno ma infiltra i gangli dell'economia e corrompe il sistema
economico. Questo -conclude Vietti- è un fronte che non va
sottovalutato".
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 10:06

Riforme: Vietti, con nuovo Senato cambia forma di governo
Taglio province ok, ma ancora molto da disboscare
(ANSA) - ROMA, 2 APR - "Certamente si, anche se siamo solo
alle prime battute". Così il vice presidente del Csm Michele
Vietti, intervistato da Unomattina ha risposto alla domanda se
la riforma del Senato porterà di fatto al cambio della forma di
governo. "Si parla di un premier che può revocare i ministri -
ha osservato Vietti - e questo comporterà un riequilibrio
rispetto al ruolo del Capo dello Stato. Si parla di
monocameralismo, che però lascia incerti i compiti del Senato".
Quanto al taglio delle Province, se la valutazione è positiva,
resta il fatto che c'è ancora "molto da disboscare", visto che
restano " troppi enti intermedi tra Stato e cittadini". (ANSA).
FH
02-APR-14 09:05

RIFORME: VIETTI, ANCORA PRESTO PER CAPIRE QUALE SARA' ASSETTO STATO =
MODIFICHE A SENATO INCIDERANNO SU FORMA GOVERNO
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - "Siamo ancora alle prime battute e
bisognerà capire cosa la riforma del Senato porterà con se". Lo ha
detto il vicepresidente del Consiglio superiore della magistratura,
Michele Vietti, ospite di 'Unomattina'. "Certamente sì", ha risposto
Vietti ad una domanda sul fatto che la riforma del Senato comporterà
modifiche alla forma di governo. "Si parla di un premier che può
revocare i ministri, questo comporta un riequilibrio rispetto al ruolo
tradizionale del presidente della Repubblica nel nostro paese -ha
osservato Vietti- si parla di un monocameralismo che però lascia
ancora incerti i compiti del Senato".
Quanto all'abolizione delle Province "restano ancora tanti,
forse troppi, enti intermedi tra Stato e cittadini -ha sottolineato il
vicepresidente del Csm- credo che ci sia ancora molto da disboscare
per capire qual è il tipo di Stato e di organizzazione centrale e
periferica che vogliamo".
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 09:36

Riforme: Vietti, ancora molto da capire =
(AGI) - Roma, 2 apr. - "Credo ci sia ancora molto da disboscare
per capire qual è il tipo di Stato e di organismi periferici
che vogliamo". Così il vicepresidente del Csm, Michele Vietti,
intervistato a Unomattina, affronta il tema delle riforme.
"Siamo soltanto alla prima battuta, bisogna capire cosa
porterà: si parla di un premier che può revocare i ministri,
e ciò comporterebbe un riequilibrio con il ruolo tradizionale
del Capo dello Stato, si parla di un monocameralismo che lascia
incerti sulle competenze del Senato. C'è l'abolizione delle
province, ma restano - ha concluso - troppi enti intermedi tra
Stato e cittadini".  (AGI)
Oll/Chi
020918 APR 14

Spending review: Vietti, stipendi Consulta non incidono su Paese =
(AGI) - Roma, 2 apr. - "Non credo che gli stipendi dei giudici
della Corte Costituzionale incidano così tanto sul nostro
Paese". Così il vice presidente del Csm, Michele Vietti,
intervistato da Unomattina, ha risposto in merito a un
eventuale taglio degli stipendi dei giudici della Consulta.
(AGI)
Oll/Roc
020925 APR 14

SPENDING REVIEW: VIETTI, NON CREDO CHE STIPENDI CONSULTA INCIDANO MOLTO =
TEMA MI SEMBRA UN PO' DEMAGOGICO
Roma, 2 apr. (Adnkronos) - "La Corte Costituzionale è l'organo
di suprema garanzia del nostro paese, è il giudice delle leggi. I
componenti sono quindici e non credo che la misura del loro stipendio
incida particolarmente sui costi del nostro paese". Il vicepresidente
del Consiglio superiore della magistratura, Michele Vietti,
intervistato a 'Unomattina', ha risposto così ad una domanda
sull'eventuale taglio degli stipendi dei giudici costituzionali.
"Mi appassiono poco a questi temi, che mi sembrano un pò
demagogici", ha aggiunto Vietti.
(Coc/Col/Adnkronos)
02-APR-14 10:07

Spending review: Vietti, tagli a Consulta non decisivi
'Non mi appassiono a temi un po' demagogicì
(ANSA) - ROMA, 2 APR - "I componenti della Corte
costituzionale sono 15, non credo che i loro stipendi incidano
particolarmente sui conti del Paese." Così il vice presidente
del Csm Michele Vietti commenta a Unomattina la sollecitazione
del 'Giornale' al premier Renzi di intervenire anche sulla
Consulta nell'ambito della spending review. "Mi appassiono poco
a temi un pò demagogici" ha aggiunto Vietti, ricordando che la
Corte Costituzionale è nel nostro Paese "organo di suprema
garanzia". (ANSA).
FH
02-APR-14 10:18